Google+

La crisi economica europea? Colpa delle Costituzioni socialiste

giugno 21, 2013 Redazione

«I sistemi politici della periferia meridionale (dell’Europa)sono stati instaurati in seguito alla caduta di dittature, e sono rimasti segnati da quell’esperienza. Le Costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo. Questi sistemi politici e costituzionali del sud presentano tipicamente le seguenti caratteristiche: esecutivi deboli nei confronti dei parlamenti; governi centrali deboli nei confronti delle regioni; tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori; tecniche di costruzione del consenso fondate sul clientelismo; e la licenza di protestare se vengono proposte sgradite modifiche dello status quo. La crisi ha illustrato a quali conseguenze portino queste caratteristiche. I paesi della periferia hanno ottenuto successi solo parziali nel seguire percorsi di riforme economiche e fiscali, e abbiamo visto esecutivi limitati nella loro azione dalle Costituzioni (Portogallo), dalle autorità locali (Spagna), e dalla crescita di partiti populisti (Italia e Grecia)».

Documento sulla crisi in Europa di JP Morgan, citato da Repubblica, 21 giugno 2013

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

6 Commenti

  1. giuliano says:

    che il socialismo sia il cancro dei paesi dove ha attecchito è cosa nota. Purtroppo il cancro ha sempre un esito mortale, tranne i rari casi dove è scoperto in tempo, ma non è il caso del socialismo che oggi ha propagato le sue metastasi

  2. giovanni says:

    Meno male che abbiamo la costituzione più bella del mondo!

  3. marzio says:

    Quindi basta modificare le Costituzioni “socialiste ed antifasciste” e il problema è risolto.Azz…… io pensavo la crisi fosse una cosa seria e complicata, che pessimista che sono, meno male che però c’e la Jp Morgan, che sollievo ragazzi, da domani torno a spendere!

  4. ragnar says:

    Ma che socialismo! Il problema dell’Italia è che NON DOVREBBE NEMMENO ESISTERE. Io tornerei volentieri al mio caro e amato Regno di Sardegna.
    Inoltre il clientelismo è stato favorito dalla mentalità levantina tipica delle regioni del sud (non a caso è dal sud che è sorta la mafia). Per colpa di questa mentalità abbiamo 3 milioni di dipendenti pubblici che non fanno un beneamato c… e che vivono alle nostre spalle!
    Per non parlare dei sindacati: quelli andrebbero soppressi.
    Io sono del parere che per eliminare questo cancro occorre far crescere gente tipo Mori e Massu e dar loro pieni poteri, a costo di lasciare sul lastrico intere regioni e estorcere confessioni con la tortura per reati di tipo mafioso.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download