Google+

La creperia più francese di tutta Milano

giugno 6, 2017 Tommaso Farina

cibo

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La crêpe, in Francia, è più o meno come la pizza in Italia: in ogni città francese, si trova almeno un posto che la fa e la propone ai passanti. Del resto, la cosa si apprezza: la crêpe è un pranzetto sfizioso, stuzzicante, anche sostanzioso in certe varianti. È un bene che da qualche tempo si sia deciso di farle anche in Italia.

A Milano, di creperie ne trovate di varie. Di recente siamo stati in quella che forse è la più francese di tutte: La Crêperie d’Auriane. Si trova nella tranquilla ed elegante via Correggio, e ha una storia singolare. Auriane sarebbe, semplicemente, la proprietaria: una giovane parigina che è venuta a studiare in Italia, in Bocconi, decidendo poi di dedicarsi a far conoscere agli italiani la bontà di un piatto come la crêpe. Del resto, Auriane non si è dedicata solo alla macro e microeconomia: in Bretagna si è diplomata alla scuola nazionale delle crêpes.

Così, è nata la creperia, che dunque non è un optional da dopolavoro. L’ambiente è quello che ci si può immaginare: debitamente chic ma semplice, molto chiaro, addobbato di vedute di Parigi. Nel piatto, tutta una serie di crêpes. Ci sono quelle dolci classiche, con l’impasto di farina, uovo, zucchero, burro e latte. E ci sono le cosiddette galettes, ossia le crêpes salate di grano saraceno. Ambedue proposte in gran copia di varianti. Noi abbiamo provato la galette raclette, ossia ripiena del famoso formaggio savoiardo e di prosciutto crudo: una vera bomba, decisamente ghiotta e appagante.

Le crêpes in ogni caso non sono l’unico atout (massì, parliamo francese anche noi) della casa. È superbo, tanto per dire, il croque-monsieur, ossia il celebre sandwich grigliato con prosciutto e formaggio che qualunque turista ha assaggiato all’ombra di Notre-Dame. Qui è perfetto, oltre che accompagnato con patate fritte davvero curate. Per il resto, ci sono taglieri di formaggi e vari altri piatti francesi che meritano l’assaggio. Per dolce, se non volete una crêpe, c’è pur sempre la tarte tatin. Si spendono circa 15 euro con una crêpe, un po’ di più col pasto completo.

Per informazioni: La Crêperie d’Auriane Via Correggio, 50 – Milano Tel. 02.49501315 Chiuso la domenica sera e tutto il lunedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download