Google+

La corruzione devasta la Cina ma il Partito comunista pensa ancora che sia un «problema morale»

giugno 19, 2012 Leone Grotti

Sono due le affermazioni famose di Deng Xiaoping, successore de facto di Mao Zedong alla guida del Partito comunista, che in Cina stanno facendo più danni della grandine: la prima è «Arricchirsi è giusto», la seconda è «Non importa se il gatto è bianco o nero, finché cattura i topi». Se la prima ha “dato il la” a una sfrenata corsa all’oro cinese, che non guarda in faccia nessuno, la seconda ha giustificato qualunque mezzo per, appunto, arricchirsi. Non è strano perciò che la corruzione sia così diffusa in Cina tra i funzionari di partito, tanto che il governo ha deciso di combatterla con una serie di quattro volumi sui valori morali e sull’importanza di «agire secondo coscienza».

Il set di libri è intitolato “Studio sull’integrità morale dei funzionari nella Cina antica e contemporanea” e verrà usato per educare i quadri di partito. La notizia, diffusa dal quotidiano-megafono del Partito Beijing Daily, continua informando che i testi contengono esempi moderni e antichi, proverbi, citazioni filosofiche da Confucio e dal taoismo che definiscono qual è la differenza tra un ufficiale corrotto e uno virtuoso e quali devono essere gli standard morali dei comunisti cinesi.

L’obiettivo è importante, per dare un’idea della corruzione in Cina basta citare gli ultimissimi casi: a giugno sono stati arrestati Tao Liming, presidente della Banca depositi postali cinese, Yang Kun, vicepresidente della Banca agricola, Chen Hongping, sempre della Banca postale, insieme a 102 funzionari dello Shandong. Il 6 giugno scorso Pechino, che stima sempre le cifre al ribasso, ha ammesso che nel partito ci sono almeno 40 mila dirigenti corrotti. Negli ultimi anni le autorità cinesi hanno arrestato 18.400 membri del Partito, dal 2000 sono stati confiscati 54,19 miliardi di yuan (circa 7 miliardi di euro) di mazzette.

Se il problema è serio il modo con cui il Partito comunista cerca di risolverlo, una tirata morale, è utopico. Secondo lo studio «ciò che caratterizza i cattivi ufficiali sono eccessiva avarizia, tirannia brutale e tendenza ad abusare del popolo». Ma quattro bei tomi non basteranno ad estirpare la pratica della corruzione, che vive incontrastata tra i quadri del Partito. Se i funzionari possono agire in modo indiscriminato, rubare a piacimento e sfruttare la popolazione non è perché non conoscono la differenza tra bene e male, ma perché in Cina esiste una sola autorità, il Partito comunista cinese, che nessuno può contrastare né obiettare.

Secondo il professore Hu Xingdou, intervistato dal South China Morning Post, «abbiamo già avuto diverse campagne sulla morale negli scorsi anni ma la situazione continua a peggiorare. Senza il rispetto della legge e la democrazia, è come parlare a vuoto». Continua lo storico Zhang Lifan: «Hanno provato a celebrare il marxismo, ma non ha funzionato, hanno provato a celebrare il Confucianesimo, ma non ha funzionato neanche quello perché la maggior parte degli ufficiali dice una cosa ma ne fa un’altra».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

1 Commenti

  1. Pandora Rojero scrive:

    Hello there!
    Others have voiced my confusion above, but it’s awesome sometimes to add on the melee. I have been signed up since the middle of January, but have three letters. They’re excellent letters! But similarly, I’d like to know if this is just the process of your dust settling or if this is to be expected?
    Thanks!

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vintage ma con qualcosa in più, BMW R nineT e Honda CB1100 offrono due punti di vista differenti sul tema delle moto classiche. Più sportiva la BMW, più comoda la Honda

Viene realizzata ai giorni nostri, ma è quanto di più simile a una Granturismo degli Anni ’50. Adotta un 2.0 Alfa Romeo a carburatori da 170 cv e raffinate sospensioni push-rod. Telaio tubolare e carrozzeria in alluminio aiutano a contenere il peso in 820 kg

La nuova vettura da competizione della Casa della Régie mutua dalla sportiva Nissan GT-R il V6 3.8 da oltre 500 cv, collocato centralmente. La monoscocca in carbonio è made in Dallara. Cambio sequenziale a 7 marce e sospensioni regolabili. Per aspiranti professionisti

Speciale Nuovo San Gerardo