Google+

La compagna di Tortora: «L’ex pm Marmo si dimetta da assessore alla legalità di Pompei»

luglio 4, 2014 Francesca Scopelliti

«Diego Marmo dovrebbe, per dignità, dimettersi, ma so che non lo farà. E allora chiedo a lei un atto di coraggio: ritiri quella delega. Dia a Pompei quella dignità che la storia le ha assegnato, quella sicurezza che il presente richiede con forza. Quel Marmo che lei vuole alla legalità non salverà i marmi pompeiani. Anzi…». Si conclude così la durissima lettera che Francesca Scopelliti, compagna di Enzo Tortora, pubblicata ieri sul Mattino di Napoli. Il 27 giugno, in un’intervista al Garantista, Marmo aveva per la prima volta parlato del caso Tortora. Un’intervista, per la verità, in cui i pm cercava in tutti i modi di giustificare il suo operato, trent’anni dopo i fatti. Già al Garantista, Scopelliti aveva mostrato tutte le sue perplessità rispetto al tardivo ravvedimento del pm: «Ha contribuito all’omicidio di Enzo Tortora, e per quanto mi riguarda dovrebbe ritirarsi a vita privata, invece che fare l’assessore alla Legalità: è un ossimoro». Di seguito, riproduciamo la lettera di Scopelliti al Mattino

Signor Sindaco di Pompei Nando Uliano, il 17 giugno segna l’anniversario dell’arresto di Enzo Tortora e l’inizio del calvario che lo portò al linciaggio mediatico, al carcere, alla malattia e alla morte. Ma anche a farsi protagonista di una sacrosanta battaglia per la giustizia giusta. Di tutti, per tutti. Per il nostro Paese. Poi è accaduto che quello stesso giorno, trentuno anni dopo (a volte la realtà è più fantasiosa dell’immaginazione), lei abbia pensato di nominare assessore alla legalità del comune di Pompei proprio quel Diego Marmo che, nei panni di pubblico ministero nel processo contro Tortora, ne fu l’accanito accusatore, con toni che non appartenevano al suo ruolo.

Quasi che, come scrisse Gian Domenico Pisapia, «il pm non fosse il rappresentante sereno e imparziale dello Stato che fa valere nel processo la sua pretesa punitiva, ma considerasse l’imputato come un nemico personale da combattere e da abbattere».
Definì Tortora «cinico mercante di morte», sostenne in dibattimento che era stato eletto con i voti della camorra, magnificò l’istruttoria «divina» firmata da Di Persia e Di Pietro, come un «lavoro perfetto, inattaccabile e svolto in tempi molto brevi». La Corte di primo grado lo seguì, forse perché, come ammoniva Marmo, «se cade la posizione di Enzo Tortora si scredita tutta l’istruttoria».
Non era possibile dimostrare la colpevolezza dell’imputato più eccellente del maxiprocesso, ma era necessario sentenziarne la condanna. L’indagine e il verdetto di primo grado furono sgretolati da altri magistrati, in appello prima e in Cassazione dopo, fino all’assoluzione di Enzo con formula piena. Non fu semplicemente un errore, come se ne fanno ovunque e quindi anche nei tribunali; fu come la definì Giorgio Bocca una pagina vergognosa di «macelleria giudiziaria».

Nondimeno Marmo, insieme ai suoi colleghi, ha fatto una bella carriera alla faccia di quel referendum sulla responsabilità dei magistrati del 1987, vinto con l’85% di sì e tradito da una legge tanto inadeguata, quanto inapplicata. Abbiamo visto e subito anche questo. Ma che adesso, dopo la carriera professionale, gli si dia anche un riconoscimento politico-istituzionale e lo si renda simbolo di legalità è davvero inaccettabile. Anzi, è offensivo. Sono certa che questo sia anche il pensiero di quei tanti magistrati seri, onesti e perbene. Perché premiare un magistrato che non ha semplicemente «sbagliato», ma che ha dimostrato un superficiale disprezzo dei propri doveri e degli altrui diritti, offende la buona reputazione della giustizia e dei giudici.
Una semplice domanda, sindaco Uliano: avrebbe mai dato la delega ai lavori pubblici ad un ingegnere che ha costruito un ponte crollato il giorno dopo dell’inaugurazione? Diego Marmo è un magistrato che – perseguendo un innocente e dando mostra di colpevole negligenza e di spaventosa protervia – ha fatto crollare la credibilità della giustizia, ha offeso il diritto, ha umiliato quella toga che invece dovrebbe, secondo il dettato costituzionale, essere una garanzia per i cittadini.

Diego Marmo dovrebbe, per dignità, dimettersi, ma so che non lo farà. E allora chiedo a lei un atto di coraggio: ritiri quella delega. Dia a Pompei quella dignità che la storia le ha assegnato, quella sicurezza che il presente richiede con forza. Quel Marmo che lei vuole alla legalità non salverà i marmi pompeiani. Anzi…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. ftax scrive:

    Chi è la CASTA?

  2. Giulio Dante Guerra scrive:

    Per CGM Martinelli. Ricordo quando ci si andò vicino. Era ancora l’epoca, ormai lontana, in cui avevo ancora i capelli castani e la barba biondo-rossiccia, anziché tutto bianco come oggi. Non ricordo in quale zona d’Italia locali dirigenti AVIS furono denunciati per aver “sequestrato” sacche di sangue localmente raro – in Italia la distribuzione dei gruppi e dei sottogruppi sanguigni varia da zona a zona – per chiedere soldi, e non pochi, a chi ne aveva bisogno. Qualcuno propose di “ribattezzare” la sigla AVIS come “Associazione Vampiri Italiani Sanguinari”. Quanto a Tortora, la cosa fu semplicemente scandalosa. Un’altra persecuzione, molto più lieve, l’aveva già subìta negli anni 1960, quando l’allora monopolistica RAI non gli rinnovò il contratto come conduttore televisivo, con una motivazione pretestuosa, di fatto perché non aveva in tasca la tessera “giusta”. Dalla disoccupazione lo salvò il quotidiano fiorentino “La Nazione”, che gli affidò, se non ricordo male, una rubrica in terza pagina.

    • Dirigente AVIS scrive:

      Sono un dirigente AVIS e non ho capito il riferimento a quest’associazione, soprattutto l’ironia del tutto fuori luogo. Senza l’AVIS le assicuro che la carenza di sangue negli ospedali italiani sarebbe drammatica, mettendo a rischio molti interventi chirurgici e la vita dei talassemici. Si vergogni infinitamente.

      • Giulio Dante Guerra scrive:

        Ho solo ricordato un episodio, che all’epoca, anni ’70 del secolo scorso, fece, giustamente, un grande scalpore, e comparve su tutti i giornali e notiziari TV. Ho dimenticato, ma lo davo per noto, che la dirigenza nazionale dell’AVIS censurò pubblicamente il comportamento criminoso di questi dirigenti locali; pensavo che, rammentando un episodio noto a chiunque non abbia la memoria corta, i particolari tornassero alla mente a tutti. E poi, non era questo il “succo” del mio intervento, ma la precedente persecuzione subita, anni prima, da Tortora.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana