Google+

La Cina è ancora terrorizzata dal Cristianesimo: «Contrastare l’evangelizzazione con la forza»

dicembre 19, 2012 Leone Grotti

Un documento ufficiale del Comitato centrale del Partito comunista cinese datato 15 maggio 2011 diffuso dall’associazione cristiana ChinaAid dimostra che la Cina è ancora terrorizzata dalla religione. Il documento si intitola «Consigli per svolgere un buon lavoro nel resistere all’uso straniero e prevenire l’evangelizzazione nei campus» ed è stato redatto dal ministero dell’Educazione, della Pubblica sicurezza, della Sicurezza dello Stato e degli Esteri, insieme all’ufficio per gli Affari religiosi.

CRISTIANESIMO USATO DALLE FORZE STRANIERE. Si legge nel testo distribuito a tutti i più importanti membri del Partito comunista a livello locale e nazionale: «A causa della rapida crescita economica della Cina e della sua forza crescente, le forze stranieri ostili si sono impegnate ancora di più nella tattica di usare la religione per infiltrarsi in Cina e ordire un complotto politico per occidentalizzare e dividere la Cina». Ancora: «Le forze straniere guardano agli istituti superiori e alle scuole come obiettivi principali per usare la religione, soprattutto il Cristianesimo, per infiltrarsi».

CONTRASTARE L’EVANGELIZZAZIONE. Il documento dimostra che l’avversione del Partito comunista cinese nei confronti della religione, che dai tempi di Mao ha cambiato forma ma non è mai venuta meno, e la paranoia che vede dovunque nemici dello Stato è ancora presente. Se un ufficiale abbraccia una fede pubblicamente viene ancora escluso dal Partito e ogni attività religiosa del popolo deve essere coordinata dall’ufficio Affari religiosi. «L’obiettivo dell’uso straniero della religione per infiltrarsi nelle scuole non ha lo scopo di espandere l’influenza della religione ma di competere con noi e traviare le giovani generazioni». Per impedire che questo avvenga il documento consiglia a tutti i funzionari di partito di «non sottostimare i danni a lungo termine a cui tutto questo può portare. Perciò l’uso della forza deve essere impiegato per rispondere attivamente e con efficacia. Prevenire e contrastare l’evangelizzazione è importante per il destino del paese e del popolo. È molto importante».

CINQUE PARANOIE. Il documento è diviso in cinque sezioni: “1) Resistere l’uso straniero della religione per infiltrare gli istituti educativi superiori e prevenire l’evangelizzazione. 2) Educare e guidare gli studenti dei college a comprendere correttamente e a maneggiare i temi religiosi. 3) Bloccare l’uso della religione per infiltrare gli istituti educativi e bloccare i canali per l’evangelizzazione nei campus. 4) Trattare il problema dell’uso della religione per infiltrare gli istituti educativi superiori e l’evangelizzazione nei campus secondo la legge. 5) Rafforzare in modo efficace la leadership organizzativa che ha il compito di resistere e bloccare l’uso della religione per infiltrare gli istituti educativi e l’evangelizzazione nei campus”.

LICENZIAMENTO DEGLI INSEGNANTI. Le misure consigliate per realizzare i cinque punti sopra esposti sono: espulsione degli studenti dai campus e licenziamento degli insegnanti implicati in attività religiose illegali, mettere in guardia sulle attività religiose online, creare un database condiviso dai ministeri del governo cinese con le informazioni sui gruppi e gli individui che sono implicati in queste attività. Il documento diffuso da ChinaAid non fa che confermare quanto la libertà religiosa sia ancora minacciata in Cina, in cui il Vaticano è considerato una pericolosa potenza straniera, dove sacerdoti come il vescovo ausiliare di Shanghai Ma Daqin vengono segregati e perseguitati perché non accettano di sottostare ai diktat del Partito comunista ma obbediscono al Papa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana