Google+

«La Chiesa cinese crede ancora dopo 50 anni di persecuzioni». La risposta del Sinodo al vescovo Li

ottobre 25, 2012 Leone Grotti

«Raccomandiamo che sia presa particolarmente a cuore l’evangelizzazione del Popolo cinese e la rievangelizzazione di coloro che sono divenuti tiepidi o hanno perso la fede». Così i partecipanti al Sinodo per la nuova evangelizzazione hanno scritto in una lettera a mons. Lucas Li Jingfeng, vescovo di Fengxiang (Shaanxi), che per l’inizio del Sinodo aveva inviato a Benedetto XVI una lettera. Li era stato invitato a partecipare al Sinodo, come a quelli precedenti, cosa che però Pechino ha sempre impedito. Al Sinodo ci sono infatti vescovi da Taiwan e Hong Kong ma nessuno dalla Cina popolare. Il vescovo è tra i pochissimi prelati cattolici ad essere approvato dal governo comunista pur non appartenendo all’Associazione patriottica.

«CREDIAMO ANCHE DOPO 50 ANNI DI PERSECUZIONE». Ha scritto Li al Papa: «Mi congratulo con voi che potete partecipare al Sinodo e rendere omaggio al Sepolcro di San Pietro. Mi duole moltissimo che non possiate udire alcuna voce della Chiesa Cinese. Voglio dire che la nostra Chiesa in Cina, in particolare i laici, ha sempre custodito finora la pietà, la fedeltà, la sincerità e la devozione dei primi cristiani, pur avendo sopportato cinquanta anni di persecuzioni. Desidero aggiungere che prego intensamente e costantemente Dio Onnipotente affinché la nostra pietà, la nostra fedeltà, la nostra sincerità e la nostra devozione possano risanare la tiepidezza, l’infedeltà e la secolarizzazione che sono sorte all’estero da una apertura e una libertà senza freni. Nell’Anno della Fede, nelle vostre discussioni sinodali potete indagare perché la nostra fede in Cina si è potuta conservare indefettibile fino a oggi. È come ha detto il grande filosofo cine LaoTse: “Come la calamità genera la prosperità, così nella mollezza si nasconde la calamità”. Nelle Chiese fuori dalla Cina, la tiepidezza, l’infedeltà e la secolarizzazione dei fedeli si sono contagiate a molti chierici. Invece, nella Chiesa Cinese i laici sono più pii dei chierici. Credo comunque che la nostra fede di cristiani cinesi possa consolare il Papa. Non menzionerò la politica, che è sempre transeunte».

LA RISPOSTA DEL SINODO. Pubblichiamo di seguito la risposta del Sinodo:

Città del Vaticano, 23 ottobre 2012.
Eccellenza Reverendissima,

Con grande piacere i Padri Sinodali che celebrano il XIII Sinodo Ordinario dei Vescovi sulla Nuova Evangelizzazione e la Trasmissione della Fede hanno ricevuto la Sua Lettera con la quale Ella ha voluto far sentire la Sua voce dall’interno della Repubblica Popolare Cinese. Questa Sua intenzione è stata assai apprezzata, nonostante tra i Padri Sinodali siano presenti alcuni Vescovi provenienti da Hong Kong e da Taiwan. Il Sinodo ha appreso con soddisfazione, rendendone grazie a Dio, che i fedeli cattolici della Cina mantengono salda la loro fedeltà, pietà e sincerità verso la Santa Madre Chiesa. Noi sappiamo che le sofferenze, le preghiere e la gioia di essere cristiani in Cina sono offerte gradite a Dio e sono di incoraggiamento per tutti i cristiani del mondo.

Domenica 7 ottobre il Santo Padre Benedetto XVI, con una solenne Liturgia Eucaristica ha aperto la XIII Assemblea Sinodale, ha commemorato i 50 anni dell’ inizio del Concilio Vaticano II e ha dato inizio all’Anno della Fede, che si concluderà con la Festa di Cristo Re nel 2013. Anche se Lei e gli altri Vescovi cattolici della Cina non avete potuto intervenire, noi vi abbiamo considerati spiritualmente presenti. Chiediamo a tutti i Vescovi, i Sacerdoti e i fedeli di codesto grande Paese di vivere l’Anno della Fede con generosità e impegno. Così raccomandiamo che sia presa particolarmente a cuore l’evangelizzazione del Popolo cinese e la ri-evangelizzazione di coloro che sono divenuti tiepidi o hanno perso la fede. Il Sinodo dei Vescovi rinnova a Lei e a tutta Chiesa in Cina l’augurio di bene nell’auspicio che in futuro i Vescovi provenienti dal Suo nobile Paese possano partecipare ai lavori sinodali. Il Santo Padre Benedetto XVI invia una speciale benedizione a Lei, ai Suoi sacerdoti e fedeli, nonché a tutta l’amata Chiesa in Cina.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana