Google+

La banalità dell’#hashtag

RENZI, PD NON AVANZA NOMI, ADERIAMO APPELLO COLLEUno di noi, una certa simpatia per Renzi ce la aveva; il Patto del Nazareno era cosa buona, e più, si rimprovera a Silvio di averlo rotto che non a Matteo.

Ma ciò, che quello che ha la simpatia, neanche lui sopporta è la banalità dello #hashtag; da un fiorentino, poi.

Perché non scrisse quando il Patto del Nazareno fu concordato:

#Tu dici che Silvio il parente
corruttibile ancora, ad immortale
secolo andò, e fu sensibilmente #matteo

O ancora quando rassicurò al Presidente Letta di stare tranquillo:

#La bocca sollevò dal fiero pasto
quel peccator, forbendola a’ capelli
del capo ch’elli avea di retro guasto #matteo

Od anche sulla Riforma della Giustizia:

#A vizio di lussuria fu sì rotta,
che libito fé in sua legge #matteo

O a proposito dell’abito firmato del Ministro Lupi:

#Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta #matteo

Ecco esempi di #hastag che ci si sarebbe aspettati da uno che l’è di Firenze.

Ma per dirvela tutta, tutti e due ne abbiamo piene le scatole degli #: come è possibile che una cosa seria come la vita di un popolo, anzi nel mondo globale dei popoli, possa essere affidato a un linguaggio sincopato, veloce e alla fine vuoto?

Torniamo a parlare, per favore. Per esempio quando Aldo Moro parlò delle “convergenze parallele” stava spiegando, discretamente, che intendeva governare con il PCI.

Quelle parole furono la pallottola che lo uccisero.

Una roba seria, il linguaggio; una roba seria il politico che parla.

E se un linguaggio non c’è, è perché non c’è esperienza della vita di un popolo: questo è il problema della politica.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download