Google+

L’unzione di un caro amico morente e la censura della parola “morte”

gennaio 19, 2014 Pippo Corigliano

morte-estrema-unzioneStanotte è morto un mio caro amico. Mi conforta averlo visto ricevere l’unzione degli infermi e la Comunione. Sto verificando un’altra volta quale carico di saggezza porta la morte. La morte: un vocabolo quasi aborrito dalla cultura dominante, come se si trattasse di una tragedia improvvisa, sgradevole e ingiusta. Quasi sempre si usa un sinonimo o un giro di parole quando è indispensabile parlarne.

Eppure toccherà ad ognuno farne esperienza e meno male che nell’Ave Maria chiediamo aiuto alla Madonna ora «e nell’ora della nostra morte». Fa piacere ricordare come Gesù dica ai suoi che va a «preparargli un posto» (Gv 14,2). Questa è la morte: andare a occupare un posto accanto a Gesù.
San Paolo precisa che ha udito e visto cose inenarrabili quando è stato rapito in Paradiso. Sembra una delusione quest’affermazione per noi che ne vorremmo sapere di più, ma ci dice che la gioia d’amore che ci aspetta supera ogni immaginazione.

Mi commuove pensare come sant’Agostino reagì alla morte della sua mamma Monica. La fede, che aveva abbracciato con tanto impegno, gli diceva che la mamma stava in Dio e che non c’era motivo di pianto. Ma dopo un certo tempo non ce la fece più e scoppiò in un pianto dirotto. Siamo uomini e le perdite delle persone care ci affliggono.
Perfino Gesù pianse per Lazzaro. Fede e lacrime: non mi devo vergognare se le due cose vanno insieme. Una cosa è certa: la morte m’insegna a voler bene e a non dar peso ai torti subiti. Alla sera della vita sarò giudicato sull’amore.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. gustavo scrive:

    Che olio si usa per l’estrema unzione, l’extravergine o quello di palma, che è più di moda? Va bene anche lo strutto?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana