Google+

L’Italia si mobiliti per Asia Bibi

ottobre 16, 2014 Eugenia Roccella

La conferma della sentenza di condanna a morte dell’Alta Corte di Lahore per Asia Bibi, la donna cristiana pakistana accusata di blasfemia, rende evidente che ormai quello dei cristiani è un vero e proprio martirio di massa. Si tratta di una notizia sconcertante e intollerabile, e chiediamo a gran voce, come abbiamo fatto per Meriam, che la comunità internazionale si mobiliti difronte a tutto questo.

Ci rivolgiamo in particolare alla Mogherini, che sappiamo sensibile, perché nel suo nuovo ruolo faccia sentire il peso politico dell’Europa su questo fronte. Ricordiamo che la felice conclusione del caso di Meriam ha dimostrato come la mobilitazione dell’opinione pubblica possa incidere positivamente.

Per Asia Bibi ancora non è finita: ricorrerà alla Corte Suprema, terzo e ultimo grado di giudizio in Pakistan, e per allora le cose devono cambiare. La comunità internazionale, a partire dall’Europa e dall’Occidente, che della tolleranza hanno sempre fatto una bandiera e un simbolo, deve pretendere e garantire il rispetto delle libertà fondamentali, quella religiosa in primis.

tratto dal blog di Eugenia Roccella

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Giancarlo says:

    Dove è finita la fede nell’unico Dio apparso ad Abramo nostro padre nella fede? Ismaele non deve combattere contro suo fratello Isacco rischierete di trovarvi a combattere contro il nostro Dio che chiamate nella vostra lingua e vi distruggerebbe in un’ secondo

  2. Valentina says:

    Un’altra disgraziata perseguitata solo per la sua fede! Questa situazione è assurda e ingiusta. Ognuno dovrebbe essere libero di professare qualsiasi fede in qualsiasi luogo senza per questo correre alcun pericolo. Ma chiunque si riconosca in una fede religiosa crede che l’unica vera fede sia la sua e che l’unico vero Dio sia il suo, tutti gli altri seguono fedi false e credono in falsi dèi. E in alcuni paesi solo per questo si può essere perseguitati e uccisi! Non è giusto. Ognuno può credere in ciò che vuole, finché non nuoce agli altri, ma deve riconoscere agli altri la stessa libertà. Nessuna fede religiosa vale la vita umana. E spero che quest’altra poveretta ingiustamente perseguitata possa essere salvata e tornare libera. Ma tutta questa situazione è folle!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.