Google+

L’argomento più stupido mai sentito a favore dell’aborto

novembre 7, 2013 Redazione

Leggete e strabuzzate gli occhi. Oggi Repubblica ha intervistato Paul Auster, scrittore e saggista americano, notoriamente di sinistra, e gli ha posto qualche domanda a proposito della vittoria del democratico De Blasio a New York. Ecco la domanda che il giornalista Antonio Monda gli ha posto e la sua risposta.

Che eredità lasciano Giuliani e Bloomberg, i sindaci precedenti?
«Giuliani non mi è mai piaciuto: per molti versi era un fascista e anche i risultati più sbandierati, come la diminuzione dei crimini, sono stati ottenuti con metodi per me inaccettabili. C’è poi da riflettere sul fatto che in quegli anni si sono sentiti gli effetti della Roe vs Wade, la sentenza della Corte suprema che ha legalizzato gli aborti: molti figli non voluti non sono diventati delinquenti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

28 Commenti

  1. Livio scrive:

    in compenso Paul Auster, non abortito, adesso può dire in tranquillità ste caxxate.

  2. mike scrive:

    ha due occhi… forse qualche sostanza può assumerla. nel caso sarebbe giustificato per aver detto una stronzata simile.

  3. Bifocale scrive:

    Purtroppo l’ideologia di morte, unita all’ideologia del gender, producono danni incalcolabili all’uomo.

  4. Giangy scrive:

    @Bifocale: secondo me ben maggiori danni sono causati da una sola caduta dal seggiolone!

    • Bifocale scrive:

      C’è poco da scherzare, Giangy. Qui parliamo di ideologie false e perniciose, che minano le basi della convivenza umana. Diciamo insieme NO alla cultura della morte e all’ideologia del gender.

  5. Picchus scrive:

    Non so se sia l’argomento più stupido mai sentito in favore dell’aborto, potrebbe facilmente essere. Ciò che è certo è che non ne ho mai sentito uno intelligente, anche perché, come diceva la mia povera mamma quando facevo qualche marachella, la giustificazione di un’idea stupida non può che essere fatta in maniera stupida.

  6. AveMary scrive:

    Non è affatto un argomento stupido. Ci sono studi in materia che hanno rilevato come dopo l’introduzione dell’aborto la criminalità nei quartieri suburbani emarginati new-yorkesi sia effettivamente diminuita. è naturale che più le donne emarginate, che vivono in zone dove la criminalità è endemica, si riproducono, più nascono potenziali delinquenti, senza considerare che le gravidanze adolescenziali o da parte di donne single e senza supporto familiare sono destinate a causare situazioni di forte disagio sociale, figli che cresceranno senza padre, madri adolescenti che dovranno abbandonare gli studi e avranno difficoltà nell’inserimento lavorativo. al di là di ogni moralismo, non si può negare che la possibilità di porre fine a gravidanze indesiderate e di prevenire nascite disagiate ed ingestibili contribuisce (anche non da solo ) ad un maggiore benessere sociale.

    • mike scrive:

      ti ci devo mandare io o ci vai da sola?
      per me la povertà l’hanno creata apposta per non far prolificare la razza umana (anche se dire razza è brutto). a tale scopo non viene usata solo la povertà ma anche cose come l’aborto. a riguardo va detto che l’aborto è una scusa per far abortire non solo le donne dei ceti medio alti ma anche di quelli medio bassi. si usa la scusa che tanto il lavoro non c’è e che da giovani ci si deve divertire (il divertimento altra cosettina) … poi se comunque la gente un pò i figli li fa, e specie nelle frangie sociali medio basse dove comunque la mentalità è più pro-life, ecco la scusa che meno figli=meno delinquenti. piuttosto si faccia campare la gente (e si eviti di inculcare l’idea del furbo dove devi saperci fare tu, se serve frega il prossimo, dato che le risorse non sono per tutti e che il mondo è necessariamente una lotta dove il forte vince/campa) e si avrebbero molti meno delinquenti. che altrimenti accettiamo che le cose bisogna averle, che i soldi (necessari) non è facile averne tanti poiché gli stipendi medio/alti non sono per tutti i lavori, che devi saperci fare tu … e che in fondo è giusto così, il mondo è giusto così. in tale quadro grazie che vengono fuori i delinquenti. uno può pensare “con meno tempo ho più soldi, sono più riposato, e ho pure più tempo per godermeli”. l’ideale del darwinismo sociale, o della legge del più forte (chi sa insomma fare i cavoletti suoi con ogni mezzo) causa la delinquenza. serve un cambio di cultura, non più aborti.

    • Livio scrive:

      non può essere un argomento valido, dare per scontato che un nuovo nato diventi un delinquente innanzitutto. Poi non si parla affatto nell’intervista di soli quartieri suburbani, ma tratta degli effetti presunti di una legge sulla diminuzione dei crimini.
      Non credo proprio che nella liberal New York abortiscano solo povere donne indifese.

      • Picchus scrive:

        Ideona: sterminiamo i poveri, così il crimine crollerà del tutto e i ricconi potranno finalmente godersi la vita

        • AveMary scrive:

          Non sterminiamo, preveniamo la nascita, è diverso. E poi, sinceramente, se prima di nascere fosse esistito qualcosa come la mia anima e mi avessero chiesto se volevo nascere ma in condizioni di indigenza e senza prospettive di riscatto (come la maggior parte dei poveri ed emarginati), io avrei risposto di no, che non avrei voluto la vita a queste condizioni, avrei preferito rimanere nel mondo delle Idee. Qui si parla della povertà come se fosse una condizione di vantaggio che però da fastidio a qualcuno. Mentre i primi ad essere avvantaggiati dal non esistere sono gli stessi potenziali poveri. Mai sentita nella realtà una persona felice di essere povera e desiderosa di perpetuare una stirpe di poveri.

          • Q.B. scrive:

            San Francesco d’Assisi (perpetuare in senso lato) …

          • Picchus scrive:

            Cosa tocca leggere. Prevenire la nascita è sterminare, poiché sterminare significa uccidere in massa qualcosa o qualcuno e l’aborto è appunto l’uccisione di qualcuno. Si tratta di semplice italiano e di utilizzare correttamente i termini. Sanità di linguaggio è sanità di ragionamento. Che l’anima esista o meno è irrilevante, gli uomini non hanno diritto a vivere perché hanno un’anima ma perché sono appunto uomini, ovvero persone. Che cosa tu avresti risposto è del tutto irrilevante, primo perché parli solo per te, secondo perché neppure ti credo, visto che l’istinto a vivere è primario rispetto alle paturnie ideologiche. Nessuno asserisce che la povertà sia una condizione di vantaggio, semplicemente non è un motivo minimamente decente per ammazzare qualcuno. Io di poveri felici ne ho conosciuti non pochi, anche in zone di guerra, così come ho conosciuto ricchi e benestanti che si sono impiccati. Per cui… get real and be rational!

    • mike scrive:

      è l’edonismo che causa la delinquenza non i pochi aborti.
      occorre lottare per avere più giustizia sociale e per far capire alla gente l’altruismo. alla fine il nocciolo è nell’egoismo. finchè ci abituano a pensare a noi stessi e basta, e a fregare la gente se fa comodo, avremo sempre poca giustizia e i delinquenti. che sono quelli che pensano “ma perché devo spaccarmi la schiena di lavoro quando occorre godersi la vita?” (e quest’ultimo è un messaggio diffuso dai media e da una certa cultura anzi sotto-cultura popolare, che inculca anche all’aborto se i soldi non ci sono o se si crede di essere ancora troppo giovani; poi se i soldi non ci sono è perché si rende il lavoro precario ma tanto al cervello della gente questo è normale, il mondo è sempre stato così siamo noi a doverci arrangiare… poi ci si deve stupire se qualcuno decide di fare il delinquente?).

      • AveMary scrive:

        L’edonismo è naturale, tutti gli esseri viventi , provvisti di un minimo di coscienza e sentimento hanno come fine la propria felicità e il proprio benessere. Non credo sia quello la causa dei mali.

      • AveMary scrive:

        Ma perché ce l’avete tanto con l’edonismo? Come avevano capito tutti i filosofi greci la felicità e il benessere rappresentano la tendenza naturale di ogni essere cosciente e senziente, qualsiasi etica che non tiene conto di questo dato di fatto non solo sarà inattuabile, ma produrrà mali peggiori di quelli che intende prevenire.

        • Piero scrive:

          “Edonismo (dal greco antico Edoné, “piacere”) è, in senso generale, il termine con il quale si indica qualsiasi genere di filosofia o scuola di pensiero che identifichi il bene morale col piacere, riconoscendo in esso il fine ultimo dell’uomo” (da Wikipedia). Perchè ce l’abbiamo con l’edonismo? Ma tu dove vivi? La nostra società è impregnata di edonismo e si vede con quali effetti. Siamo o no una società piena di bene morale ? (A scanso di equivoci questa è ………..ironia !!!!!)

    • Piero scrive:

      Un maggior benessere sociale ci sarebbe anche se tu non ci fossi ……

    • Oscar Salmistraro scrive:

      Insomma, sostenitrice del “Morte tua vita mea”. Pazzesco!

  7. giuliano scrive:

    la demenza è demenza, ma in un progressista l’incubazione del virus è mortale

  8. AveMary scrive:

    chi è contro l’edonismo, inizi a vivere di stenti, sofferenze, privazioni e umiliazioni, privandosi di ogni bene materiale e sociale…

    • piero scrive:

      Mmmhhhh, come pensavo, non sai minimamente di cosa stai parlando …… stai facendo delle pessime figure…

    • Orazio Pecci scrive:

      @ Avem, lei ha le idee molto confuse: perché non comincia a chiarirsele facendo un po’ di analisi logica? Che diamine sta dicendo, per esempio? Oppure mi spieghi in parole pezzenti, in che cosa consiste un “bene materiale e sociale”…

      • Oscar Salmistraro scrive:

        Scusate ma non avete capito, le idee di AveMary sono molto chiare come sono chiare quelle dei cinici degli oppressori e dei tiranni “Morte tua vita mea”.

  9. Gemma scrive:

    Che uscita stupida. Posso provare a interpretarla così: chi decide di non concludere una gravidanza lo fa perché si trova in un contesto di disagio. Se facesse nascere e crescere un bambino in quel contesto di disagio, probabilmente diventerebbe un delinquente. Ergo, più aborti = meno delinquenza.
    Ma non c’è assolutamente alcuna prova di una correlazione tra i due fenomeni!
    O il giornalista ha travisato completamente, o questo signore non sa quel che dice.

  10. nino scrive:

    Per Auster, l’aborto è un toccasana…meno criminali. Si può dire, applicando lo stesso criterio ai poveri d’Africa, meno fame nel mondo. Nei pesi occidentali, meno inquinamento (pannolini ).
    Visti gli ultimi premiati un perfetto candidato al Nobel.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana