Google+

Keith Haring ospite della Reggia di Caserta

giugno 6, 2012 Mariapia Bruno

Di Keith Haring c’è n’è uno solo. Un artista diventato quasi un brand, grazie ai suoi murales che hanno spopolato nella New York degli anni Ottanta e gli hanno consentito di passare alla storia come il maestro dei graffiti per eccellenza. Assente per un breve periodo dallo scenario espositivo italiano, l’artista statunitense dalla fresca immaginazione metropolitana fa ritorno nel Bel Paese all’interno della retrospettiva Keith Haring. Il murale di Milwaukee, visibile fino al 4 novembre 2012 nell’incantevole cornice della Reggia di Caserta, nella Sala dei Porti, luogo che sancisce un binomio fortunato di tradizione e ultramodernità.

Protagonista della mostra casertana è il Murale di Milwaukee, una delle opere più note dell’artista. Lunga trenta metri e alta due metri e mezzo, è costituita da 24 pannelli in legno realizzati nell’aprile del 1983 quando, invitato dall’Università Marquette di Milwaukee, Haring la realizza sul luogo in cui sarebbe sorto il nuovo museo Haggerty. Il soggetto del murale è una sequenza ininterrotta di bambini a quattro zampe e di cani che abbaiano, immagini tra le più amate e riconoscibili che l’artista, all’inizio della sua carriera, scelse addirittura come firma. Accanto a queste, svettano le celebri icone della sua arte, dal televisore con le ali, all’uomo con la testa di serpente, alla faccia con tre occhi che fa la linguaccia. Ad arricchire il percorso, una raccolta di fotografie e un video che documentano le fasi della realizzazione del murale e i disegni fatti per l’occasione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Does your blog have a contact page? I’m having trouble locating it but, I’d like to send you an email. I’ve got some suggestions for your blog you might be interested in hearing. Either way, great site and I look forward to seeing it grow over time.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana