Google+

L’Italia agisca per porre fine al genocidio perpetrato dall’Isis

settembre 7, 2016 Redazione

Tratto da Acs Non è più possibile attendere. Mentre aumentano i mesi trascorsi dai cristiani e dalle altre minoranze religiose irachene in condizione di rifugiati e in decine di migliaia continuano ad abbandonare la Siria a causa della guerra e delle persecuzioni religiose, ulteriori barbare scoperte gridano l’urgenza di una situazione che impone un’azione concreta.

Pochi mesi fa l’inviato ONU Jan Kubis, riguardo la drammatica aggressione subita negli ultimi due anni dalla popolazione civile in Medio Oriente, aveva annunciato il ritrovamento di fosse comuni nel territorio riconquistato dall’esercito iracheno. L’Associated Press il 30 agosto ha documentato l’esistenza di altre 72 fosse comuni, macabro lascito dell’ISIS in Iraq e Siria. E si ritiene che molte di queste fosse comuni non siano ancora state scoperte, giacché in territori ancora sotto il controllo del Califfato.

L’8 giugno scorso Aiuto alla Chiesa che Soffre ha intrapreso una campagna per chiedere alle istituzioni italiane che venga formalmente riconosciuto il genocidio commesso dall’ISIS. Un appello cui hanno aderito anche gli oltre 10mila visitatori dell’esposizione sulla persecuzione anticristiana che ACS ha presentato all’ultima edizione del Meeting di Rimini. Tra le migliaia di adesioni, ve n’è una particolarmente degna di nota: quella di Ján Figel, inviato speciale della Commissione Europea per la promozione della libertà di religione al di fuori dell’Ue, che il 25 agosto ha visitato la rassegna di ACS. «Senza libertà religiosa non avremo neanche libertà politica e civile» ha affermato Figel in quella sede, per poi far proprie le affermazioni di Giovanni Paolo II e aggiungere che «la libertà religiosa è infatti la cartina di tornasole del rispetto di ogni altro diritto umano».

Firmando l’appello e aderendo ufficialmente alla campagna di ACS per il riconoscimento per il genocidio, l’inviato speciale dell’Ue si è soffermato sull’esigenza di agire al più presto per porre fine a quanto accade per mano di Isis in Iraq e Siria. «100 anni fa si è verificato il primo genocidio. È tempo di chiudere il secolo dei genocidi».

L’appello di ACS ha portato, nel mese di giugno, alla presentazione alla Camera e al Senato di due mozioni firmate da oltre 100 parlamentari. Oggi la fondazione pontificia si rivolge nuovamente alle istituzioni italiane, con una lettera inviata ai Presidenti della Camera e del Senato e a tutti i capigruppo, affinché tali provvedimenti vengano calendarizzati, discussi e approvati. Dopo il Parlamento europeo, la Camera dei Rappresentanti statunitense e la Camera dei Comuni del Regno Unito, altri paesi hanno intrapreso iniziative atte a riconoscere il genocidio. Nel maggio scorso la Camera dei Rappresentanti australiana ha infatti riconosciuto il genocidio perpetrato da Isis ai danni dei cristiani assiri.

È ora tempo che anche le istituzioni intraprendano questo passo che ci viene chiesto dalle stesse minoranze religiose irachene e siriane. Ora è il tempo dell’azione.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. italiana scrive:

    amo l’Italia, questa persona deve imparare a vincere i propri modelli e non devono uccidere per ottenere supporto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana