Google+

«Io voglio un’Italia tutto islam»

novembre 21, 2014 Redazione

«Vogliono conquistare il mondo, non solo l’Italia». Lo racconta oggi a Libero Gianluca Salviato, il tecnico rimasto nelle mani dei jihadisti in Libia e recentemente liberato. Salviato, che ha anche raccontato di essere stato sostenuto dalla preghiera, ha descritto al quotidiano i suoi otto mesi di prigionia. «Militarmente sono molto organizzati. Il mio rapimento è stata un’azione di guerra in piena regola. Bloccato da due auto, una davanti e una dietro, con un commando che sapeva benissimo che cosa stava facendo. Mi hanno picchiato, portato nel primo covo e minacciato di morte con una pistola puntata alla testa».

Salviato è stato tenuto in prigione da ragazzi tra i 20 e i 30 anni, che si definivano mujaheddin per la Jihad islamica  che non l’hanno ucciso perché «evidentemente gli servivo vivo». Sono uomini capaci di aspettare: «Gli arabi sono persone con molta pazienza. Aspettano fino a quando non raggiungono l’obiettivo».
Può accadere qualcosa anche in Italia?, chiede l’intervistatore. «Il pericolo c’è, di sicuro. Al momento non parlerei di una possibile guerra da noi, anche perché non ho la competenza per farlo. Però sì, c’è il rischio che possa accadere qualcosa nella nostra città. Quella è gente disposta a tutto per la causa». Come gli ha detto uno dei suoi carcerieri: «Io voglio un’Italia tutto islam».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

6 Commenti

  1. Raider scrive:

    Il mio post non si vede, per ora. Spero sia fatto passare. Grazie.

    • Menelik scrive:

      Anche a me spesso succede.

      • Raider scrive:

        A me succede spesso di dover ridigitare i post e c’è gente che, se non gli rispondi per tempo, si crede in diritto di dire che non hai nulla da obiettargli o ci hai dovuto pensare su troppo. Potrei non badarci, ma si tratta di gente che manipola le parole come i silenzi altrui; qualcuno potrebbe pensare che sia davvero così e abboccare alle demenziali stupidaggini che questi mistificatori mettono in giro. Non avverrà per mia distrazione e non vorrei fosse così anche solo per cause tecniche.

  2. 0527881474 scrive:

    IO NON VOGLIO UN’ITALIA TUTTO ISLAM.

    • Menelik scrive:

      Non temere, non sarà mai così.
      Per le Cassandre di professione, alza pure il ditino medio, così per manifestare apprezzamento per il vaticinio.
      La bandiera nera dei pirati saraceni sull’obelisco di San Pietro è e resterà un volgare fotomontaggio.
      Se ci provano, di loro non resteranno altro che ossa a pezzettini lungo la Penisola e sulle Alpi.

      Così, en passant, ieri sera ho visto dei brevi filmati girati da membri dello YPG e operatori televisivi occidentali anglofoni a Kobane e dintorni.
      Credetemi, da quel che mostrano i filmati, l’isil non se la sta passando per niente bene a Kobane.
      Sono bersagliati da tutte le parti, i Curdi adesso sono armati bene e colpiscono duro.
      Un filmato di pochi minuti mostrava anche la cattura di un prigioniero ferito di cui diceva il nome, un pezzo grosso dell’isil, come nei nostri eserciti un ufficiale.
      Era per terra e tremava come una foglia, temeva che lo finissero lì dove si trovava, poi uno gli faceva domande in lingua in cui l’unica parola che ho riconosciuto era “daesh”, e questo rispondeva con la voce rotta dal terrore…..vuotava il sacco sperando che lo lasciassero vivo, altro che contento di morire per andare da Allah come fa credere la loro propaganda !!!
      Non lo dicono alla nostra televisione, ma l’isis a Kobane sta perdendo.
      E nel sud le forse irakene si stanno riorganizzando sotto la direzione di esperti americani.
      Io prevedo che presto si arriverà a pensare ad un tribunale internazionale per i crimini di guerra per l’isis.

  3. giuliano scrive:

    con il 50% e passa di italiani che sono di sinistra, l’Islam non dovrà faticare molto per raggiungere lo scopo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download