Google+

Io sono l’autunno. L’autunno sono io

settembre 23, 2015 Marina Corradi

 

autunno-pioggia-shutterstock_100074404

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Mi sono svegliata stamattina con la sensazione che nella mia camera fosse entrato qualcuno. Ma era soltanto il vento, che dalla finestra aperta si era spinto dentro, e gonfiava le tende. Un soffio d’aria quasi fredda, come la mano di un estraneo che ti sfiora all’improvviso. “Io sono l’autunno”, ha detto la folata, imperiosa e breve. E se ne è andata, ansiosa di entrare in altre stanze con le finestre aperte, di avvertire: io sono l’autunno, sono arrivato.

Allora ho richiuso gli occhi e mi sono tirata addosso le coperte, avendo per la prima volta, dopo mesi, freddo. Ho sempre amato l’autunno, la pioggia, le raffiche di vento che trascinano via le foglie fulve, come anime ribelli catturate. Ma quest’anno mi avverto addosso una lama fina, che taglia e ferisce. E nel buio uterino delle coperte penso alla sabbia di questa estate sotto ai piedi, alle due, bruciante come brace; rivedo la linea verde del mare, l’acqua chiara, oasi nell’afa, in cui con sollievo ci si tuffava. Rivedo le pareti di oleandri sgargianti lungo le sterrate in campagna, nel Livornese, risento il ronzio avido dei calabroni sui fiori. Le strade polverose nella siccità, e il disco rosso fuoco del sole che ancora alle nove di sera, calando, non smetteva di abbagliare; la biancheria stesa ad asciugare dietro casa, così asciutta, quasi rigida, all’imbrunire, e profumata, e tiepida ancora.

In realtà, mi dico però, tu non hai mai amato tanto l’estate, il caldo, la luce accecante. E allora com’è che quest’anno settembre ti insinua questo soffio straniero addosso, questa indicibile, quasi, paura?

È che a un certo punto della vita – voltate pagina, ragazzi, queste righe non vi riguardano – ti accorgi che l’autunno comincia a somigliarti: nell’ombra, nel prosciugarsi, nel sentirti spoglia, qualcosa ti è dolorosamente affine. A vent’anni mi inebriavano, le folate di vento e i mulinelli di foglie fiammanti, trascinate via. Ma mi sento foglia, adesso; una foglia, esattamente nel momento in cui è ancora verde, e attaccata al suo ramo, eppure in una notte la linfa nelle vene si è arrestata, e il verde si è impercettibilmente ingrigito.

Poi, oggi nella giornata di pioggia, di nuovo sono stata rincorsa nei pensieri dal ricordo del rosa fulgente degli oleandri, della sabbia ardente, degli ombrelloni sulle spiagge che si aprono come fiori giganti, insieme, al mattino.

Il fatto è, credo, che davvero non siamo fatti per morire; e il cuore, non appena avverte quell’orizzonte inesorabile, anche se ancora lontano, si inclina come una barca nel mare grosso. I campi di girasoli del colore dell’oro, l’aria ebbra di profumi, il canto delle cicale pazze di sole: cos’è l’estate, se non eco e insieme annuncio di un Eden perduto?

Mentre mi dico che oggi potrei dire, in realtà: “L’autunno, sono io”, non smetto di risentirmi addosso i profumi di erba e di mare di questo torrido luglio; ora però non con nostalgia, ma colmi invece di una muta promessa, di un segreto misterioso tesoro.

Foto pioggia da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana