Google+

Intervista – Silvia Ziche: il fumetto, le artiste e altro ancora

marzo 28, 2014 Amedeo Badini

Silvia ZicheDopo aver parlato di Silvia Ziche qui, abbiamo avuto anche la fortuna di poterla intervistare.

L’uscita del volumetto Panini a te dedicato con la raccolta completa di “Che aria tira a…” che effetto ti fa? Già quella del Grande Splash aveva aperto la via, ma qui si decide di pubblicare il tuo grosso sforzo per aprire ogni settimana il fumetto più letto in Italia. è importante che i nomi in copertina vengano sdoganati, specie in Disney? E quanto è complesso trovare l’idea giusta, sempre?

Mi fa un bell’effetto, ovviamente! E mi fa impressione vedere che le vignette sono così tante. A volte non mi rendo esattamente conto della quantità di tavole e vignette che faccio. Sono contenta che Panini abbia deciso di ripubblicarle, come già aveva fatto con il Grande Splash.

E’ giusto che ci siano i nomi degli autori, in un lavoro collettivo come quello con i personaggi Disney. E’ un riconoscimento al lavoro svolto. E credo che sia un bene anche per gli appassionati: io da ragazzina adoravo il segno di Giorgio Cavazzano, ma per scoprire il suo nome ho dovuto fare ricerche degne di Sherlock Holmes.

Non so dire come arrivino le idee, né se sia complesso trovarle. Io faccio questo lavoro perché mi piace ma anche, banalmente, perché mi viene naturale. Mi diverto a inventare storie e situazioni divertenti. Con gli anni ho anche sviluppato un certo allenamento. Qualche difficoltà ce l’ho solo nei momenti di grande stress e stanchezza. Ma di solito riesco anche in quei casi, anche se con un po’ di difficoltà in più, a trovare la concentrazione, giusta.

Lucrezia e Alice, un binomio interessante. Sono due lati del tuo carattere oppure insieme non possono convivere?

Direi che entrambe sono un po’ il mio alter ego, in due momenti diversi della mia vita. Alice mi serviva, intorno ai vent’anni, a raccontare il mio spaesamento di fronte alle difficoltà della vita, e l’idealismo di quel periodo, in parte derivante anche da una totale inesperienza della vita. Con Lucrezia, una decina d’anni dopo, ho raccontato il restringimento degli orizzonti causato dalla frustrazione degli ideali, dalle delusioni, dallo sfumare dei sogni. Quindi direi che Lucrezia è un po’ la versione cagliata, inacidita, di Alice.

hr (1)Tu sei senza dubbio la più grande autrice donna Disney, ma non certo perché sei l’unica. Come mai, secondo te, poche fumettiste in Disney, e più in generale nel fumetto italiano (tra cui la Canepa e l’Andolfo)? E che cosa ne pensi della discussione sulla parità di genere nella legge elettorale?

Adesso, rispetto a quando ho cominciato a lavorare io, la situazione è parecchio cambiata. Ci sono molte più donne autrici di fumetti. Ancora molte meno dei maschi, quello è vero. Penso che sia solo una questione culturale: una volta i maschi leggevano più fumetti, e quindi avevano anche il desiderio di farli. Ora non è più così, anche le ragazze ne leggono tantissimi, ne scrivono e ne disegnano tantissimi. Con il tempo si raggiungerà un maggiore equilibrio tra autori e autrici.

Per il resto, penso che qualsiasi norma, regola, legge, che consenta la parità di genere sia la benvenuta. Questo fino a quando la vera parità sarà raggiunta: in quel momento non ci sarà più bisogno di regole che la tutelino perché, a parità di capacità, ogni donna avrà esattamente le stesse possibilità di un uomo di realizzare la propria vita e i propri progetti.

Infine, tu sei una grande autrice completa, ma come ti trovi a lavorare con altri sceneggiatori? e come è stato il rapporto che hai avuto con il versatile Vincenzo Cerami, relativo alla saga di “Olimpo S.p.a.”?

Per me è fondamentale lavorare anche con altri autori. E’ il modo migliore per allargare i propri orizzonti, per prendere punti di vista diversi dal proprio. L’esperienza con Cerami è stata bellissima, per questo ma anche perché ho potuto veder lavorare uno scrittore con una grandissima esperienza. Ho avuto il privilegio di spiare il suo modo di lavorare, la sua visione del mondo, i suoi trucchi del mestiere.

Grazie mille Silvia del tempo che ci hai dedicato. Ora tutti in edicola e in fumetteria per comprare “Che aria tira a… Paperopoli e Topolinia” (di Silvia Ziche, editore Panini Comics, 340 pagine, 6€).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana