Google+

Intervista – Mattia Barbieri, pittore dell’assimilazione, della trasformazione e della rielaborazione

gennaio 24, 2014 Mariapia Bruno

Protagonista fino al 14 marzo 2014 della retrospettiva intitolata Vedute the New Fragrance prosso la (galleria +) oltredimore di Bologna, Mattia Barbieri ci parla dei suoi lavori e del concetto, fondamentale nel suo percorso creativo, di “Vedute”, termine che indica non solo un genere pittorico ma anche l’atto di vedere con i nostri occhi e con i nostri sensi qualcosa che può essere allo stesso tempo personale e universale.

Barbieri, le sue opere raccontano un modo nuovo di intendere la veduta e il paesaggio. Quali novità introduce rispetto alla tradizione?

Mi piace ricordare che la pittura è nata in una caverna. Per l’uomo primitivo dipingere era evocare, usare un mezzo “Magico”. Per me vale la stessa regola. Se in Pitture domestiche, presentata in primavera presso la Federico Luger Gallery a Milano e successivamente a Trieste negli spazi dello studio Tommaseo, emergeva una pittura stratificata, lacerata e disfatta, in Vedute the New Fragrance l’atmosfera è più distesa. Lo sguardo si sposta dagli interni caotici in cui confluivano  i più disparati tipi di segno e soggetti, per raggiungere immense vedute in cui una costruzione scenica raffigura un’apertura sull’infinito, contornato da una chioma di colline che si distende in lontananza sovrastata dalle nubi. Un paesaggio pacificante, interrotto da repentini cambi di orizzonti e cascate di frutta che piovono davanti agli occhi dello spettatore emulando un colorato collage che sembra esalare profumi di freschezza succulenta. La “The New Fragrance” pervade la mostra in senso figurato.

Considero veduta tutto cio che è stato “veduto”, visto e questo comprende anche i paesaggi della campagna lombarda, mia terra d’origine, imprigionati nella retina e celebrati sapientemente dai pittori dell’antichità. La riflessione stà proprio nel prendere coscienza della pittura di genere e concentrarli in una sola tela. Troveremo dunque una Madonna che si nasconde dietro un volto stereotipato formato da frutta giocattolosa che sovrasta uno squarcio di paesaggio da pittura antica, piuttosto che ribaltamenti di orizzonti che si stagliano su grandi aree astratte. Alcuni dei dipinti presenti in mostra hanno la caratteristica di poter essere orientati e combinati tra loro in diversi modi. Il quadro non dev’essere necessariamente fruito secondo un verso prestabilito dall’artista, ma può essere preso, girato, composto, cambiato di senso. Il mio concetto di veduta tende a mettere in dialogo la ricerca dell’Origine dell’immagine e quella mia personale mediata dal gesto pittorico che misura in egual maniera una luce su un limone galleggiante, la scritta digitale che freddamente si rompe nel vento, piuttosto che l’occhio di un Gesù bambino ignaro della sua missione divina.

Quanto è importante la memoria?

La memoria ha un ruolo assolutamente centrale nella mia ricerca. Talvolta esplicito il legame con il passato mediante l’uso di immagini fotografiche rigorosamente dipinte; altre volte mi concedo un tuffo nella tradizione ed esamino col mio stesso pennello i luoghi già frequentati di grandi artisti del passato; altre ancora, dimentico dei caratteri che sigillano la nostra cultura dell’immagine, mi abbandono ad un più recente astrattismo ritmato da monocromie o pattern sperimentati dagli americani della seconda metà del secolo scorso. Le tappe sulla linea temporale si confondono, proprio come i soggetti e le tecniche che impiego per realizzare un nuovo lavoro, risultato di azioni che tentano di condensare l’antico concetto del “Tutto” alchemico.

Che ruolo ha la fotografia? E quei frutti dalle dimensioni insolite?

La fotografia è un pretesto per trovare un soggetto e filtrarlo tramite la pittura. Assistiamo grazie alla rete ad un cambiamento radicale della percezione dell’immagine e all’omologazione del suo valore simbolico. Una bucolica trasmissione di dati visivi invade, abbattendo le gerarchie, gli occhi senza palpebra della civiltà contemporanea. Assimilare, trasformare e rielaborare  è ciò che il mio ruolo di pittore mi impone. I frutti si sovrappongono ad un cielo immenso, come appiccicati e sospesi in un artificio che solo la pittura è in grado di proporre. Spesso si usa il termine pittura fresca per indicare un impasto immediato e senza fronzoli formali. Questa pittura cerca invece la sofisticazione nel mostrare paesaggi che sembrano frammenti di tele settecentesche. La frutta è fresca e dunque rinfresca.

Quali sono i suoi progetti futuri?

Fare una nuova serie di dipinti che rimetta in discussione tutto ciò che ho affermato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi