Google+

L’insostenibile pesantezza di Saviano ad “Amici”

aprile 16, 2015 Rodolfo Casadei

Roberto Saviano ad "Amici"Sullo “scandalo” della partecipazione di Roberto Saviano alla prima puntata della nuova serie di Amici condotto su Canale 5 da Maria De Filippi hanno già speso sufficiente e intelligente inchiostro Aldo Grasso e Oliviero Beha. Per lo scrittore e personaggio televisivo napoletano nutro profonda avversione, l’avversione che si riserva ai profeti autoproclamati e ai martiri che spettacolarizzano il proprio martirio, a coloro che si compiacciono di un gesto di coraggio compiuto in vita e su quello costruiscono un personaggio che soffoca e nasconde la persona reale. Quella fatta di slanci e di debolezze che tutti siamo. Avere avuto il coraggio di sfidare la camorra con un libro ben riuscito non conferisce perciò stesso autorevolezza a ogni parola che poi esca dalla bocca o dalla penna di chi quel coraggio ebbe. Una sciocchezza resta una sciocchezza anche se chi la pronuncia è un vate dell’anticamorra, e in questi anni di sciocchezze o almeno di prese di posizione discutibili Saviano ne ha riversate sul pubblico a palate.

L’altra cosa insopportabile dello showman partenopeo è quel suo specchiarsi narciso nella propria condizione di persona in pericolo di vita, di personalità sotto scorta, quella sua ricerca sfrenata dell’ammirazione da parte del pubblico per avere scelto di vivere la vita di chi è vivo provvisoriamente, di chi è permanentemente minacciato di morte. Chi nella vita decide di rischiare del suo per servire un ideale, chi accetta di sacrificare qualcosa di sé – la libertà, la sicurezza, insomma la vita – deve farlo con sobrietà, con pudore, con misura. Perché non si tratta di attirare l’attenzione su di noi, ma sul valore, sull’ideale per il quale sacrifichiamo qualcosa, molto, tutto. È così che si esercita una pedagogia seria verso le persone che ci leggono o che ci ascoltano, altrimenti li si trasforma in complici di una sceneggiata sentimentale.
E su questo lascio volentieri la parola ad Aldo Grasso: «Questa volta il problema non è il contesto, ma il testo. (…) Saviano liscia il pelo al pubblico, da imbonitore del benpensantismo, dicendo solo quelle cose per cui, colpevolizzandoci, dovremmo poi sentirci più buoni, più impegnati, più umanitari. Saviano ha estremo bisogno di qualcuno che lo aiuti a uscire dall’impasse in cui si trova. Vittima (in senso letterale) del suo strepitoso successo, non ha saputo ripetersi come scrittore, cambiando editore, non è opinionista (deludenti i suoi interventi settimanali), non è showman. È solo Saviano che recita Saviano, un marchio da sfruttare, un ragazzo adulto che deve trovare il coraggio di ripartire. Maria De Filippi, come al solito, lo ha capito prima di tutti e lo ha arruolato nel suo variegato circo».

Di mio e di originale aggiungerei una cosa. L’obiettivo di Saviano con la sua partecipazione ad Amici era di suscitare l’empatia dei giovani talenti italiani nei confronti delle centinaia di migliaia di migranti che con ogni mezzo cercano di abbandonare i loro paesi e di venire a vivere in Europa. Perché l’empatia è la capacità psicologica che rende possibile la solidarietà, è la sua premessa. In sintesi ha detto alla truppa della De Filippi: «Voi e loro avete un punto in comune: siete disposti a tutto per inseguire un sogno. Per voi si tratta del sogno di valorizzare il vostro talento e di riuscire nel mondo dello spettacolo, per loro quello di abbandonare la terra natìa e venire a vivere in Europa. Prima di qualunque presa di posizione sulla questione dell’immigrazione, tenete conto di questo».

Mi ribello a questa concezione riduttiva dell’empatia. Sentire quello che l’altro sente non è qualcosa che riguarda solo le sue aspirazioni, declinate nel presente. Se non riguarda anche il suo passato e il suo futuro, non è vera empatia. Emigrare significa sradicarsi. Abbandonare la terra in cui si è cresciuti, e i volti che ci hanno fatto crescere. Rompere col passato e consegnarsi a un futuro di luoghi e di persone che per molto tempo resteranno estranei perché non evocheranno più ricordi. L’insostenibile ideologia e l’insopportabile retorica dell’uguaglianza impediscono di percepire un fatto duro come la pietra: l’immigrato sarà un uomo antropologicamente più povero degli uomini che abitano da prima di lui la terra in cui andrà a vivere. Questa povertà si rifletterà anche nei suoi figli, saranno loro a ricordargli che manca qualcosa, a ribellarsi per un vuoto che loro avvertiranno e del quale il genitore non ha voluto parlare.

Provare empatia per i migranti non significa semplicemente sintonizzarsi col dolore che li spinge a partire: il dolore dell’impossibilità materiale di vivere da adulti lì dove si è nati, il dolore di non potere essere liberi politicamente, il dolore per le umiliazioni patite da parte di chi detiene potere e autorità in sistemi autoritari e società gerontocratiche, eccetera. Significa più compiutamente simpatizzare col dolore futuro, quello imminente e quello remoto, dell’esperienza di estraneità e di alienazione che farà colui che attraversa il mare per venire a stare in Europa.

Scrive magistralmente Eugenio Borgna nel suo ultimo libro Il tempo e la vita: «Quando siamo in esilio, o abbiamo cambiato casa, o siamo stati sradicati dalla nostra patria, non si modifica solo il tempo interiore, il tempo vissuto, ma anche lo spazio vissuto: il modo di vivere e di sentire lo spazio. Nel paese straniero, ma anche nella nuova casa, il linguaggio delle cose, il linguaggio del paesaggio, si trasforma profondamente. Quelle terre, e quegli orizzonti, si fanno estranei e insignificanti quando abbiano a essere luoghi d’esilio. Spazio e tempo, drasticamente mutati nella loro forma e nelle loro risonanze emozionali, si fanno categorie inquietanti e stranianti: portatrici di solitudine e di silenzio. Il mondo, in cui si è esiliati, o sradicati, è contrassegnato dalla estraneità e dalla inconoscibilità. Non ci riconosciamo più in questo tempo e in questo spazio, in questo silenzio e in questo paesaggio, in questi ghiacciai dell’anima e in questo fiammeggiare dell’angoscia, in queste cifre nascoste e illeggibili di una realtà che è divenuta così estranea; e la perdita della patria, ma anche la perdita della casa in cui si abitava con la sua storia e le sue memorie, si accompagnano a inquietudini e a smarrimenti che lasciano ferite non sempre rimarginabili».

Ringrazio Borgna per avere descritto con la sua lucidità e la sua espressività quello che io tante volte ho provato vedendo i cristiani di Iraq e di Siria intenti a preparare il proprio esodo dall’Oriente o incontrando iracheni e siriani già emigrati in Europa. Una stretta al cuore presentendo l’inaridimento che li avrebbe colpiti lontano dalla terra dei loro padri, una comprensione diretta e cordiale dello smarrimento e del lutto affettivo dei già emigrati. Mi ha sempre molto impressionato il fatto che fra i caldei (Chiesa orientale in comunione con Roma) dell’Iraq il numero delle vocazioni sacerdotali e religiose si mantiene adeguato alle necessità delle comunità finché restano a vivere in Iraq, mentre diminuisce e tende ad annullarsi nella diaspora. Un indizio molto chiaro del senso di straniamento e di alienazione di chi va a vivere in un mondo troppo diverso da quello che ha dovuto lasciare.

Ma i ghiacciai dell’anima e il fiammeggiare dell’angoscia sono realtà troppo poco televisive e troppo profonde per chi ha accettato di diventare la statua di se stesso.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. To_Ni scrive:

    La frase di Saviano sull’empatia definisce un modo di disegnare l’umanità. Accostare l’aspirate star televisiva alla tragedia umana del migrante, intendere un comune denominatore tra le due esperienze cosi abissalmente diverse, proporla a dei ragazzi con quell’aurea di oracolo dotato di nulla osta per pontificare su tutto e tutti, significa proporgli di leggere la realtà a partire dai sogni ad occhi aperti e confondere questa, con l’esperienza del dolore. Una banalizzazione così estrema rafforza la convinzione, proprio perché certificata da un “vate”, che l’ effimero è tutto e trasformano le parole, come quelle di Ernesto Borgna citate nel bell’articolo di Casadei, in enigmi incomprensibili.

  2. Mappo scrive:

    Ma sarà poi vero che Saviano rischia o ha rischiato qualcosa da quando ha scritto Gomorra? Penso che con il suo libro Saviano, al più, abbia solleticato e inorgoglito l’ego e il narcisismo dei guappi camorristi che sicuramente saranno stati fra i primi a comprare il suo libro, quando poi uscì il film tratto dal libro, lessi che la Camorra ci aveva pure guadagnato sopra vendendo per strada le copie taroccate del DVD. Il Dottor Vittorio Pisani, all’epoca capo della Squadra Mobile di Napoli, uno che la Camorra l’ha combattuta sul serio, dette parere negativo riguardo la scorta al nostro eroe. Curiosa coincidenza poco dopo lo “scandaloso” parere il solito pentito lo accusò di essere colluso con la camorra, da lì lunghe disavventure, un processo e poi la piena assoluzione. Pare tra l’altro che la RAI abbia in cantiere una serie televisiva sul Dottor Pisani, se verrà fatta sarei curioso di sentire gli eventuali commenti di Saviano.

  3. riccardo scrive:

    prima ancora di Saviano ho ribrezzo per il decolté della De Filippi. Abbiate pietà!

    • maurizio scrive:

      Qualcuno ci liberi da Saviano!!Non se ne può piu di questo padre eterno televisivo che,ammesso sia stato realmente sul libro nero della camorra(anche a me viene qualche dubbio!)ora ci sta campando su,a nostre spese e senza che nessuno ci abbia chiesto qualcosa in proposito.Basta!!!

      • angela scrive:

        come vedi maurizio il tuo appello è stato ascoltato……e saviano ha fatto da testimonial e non so che altro alla celebrazione – nientemeno che dal quirinale – del 25 aprile. oltre che dell’anticamorra ora è pure l’icona dell’antifascismo. capisci a mmme?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana