Google+

L’insegna luminosa di una Venezia irrazionale

agosto 21, 2013 Mariapia Bruno

Ma perché quell’incidente visivo del pi greco luminoso e alto cinque metri dal nome di The Irrational City 2.0 deve essere la prima cosa che cittadini e turisti vedono appena giunti alla Stazione di Santa Lucia di Venezia? E’ una città davvero irrazionale quella della Biennale? Saranno i capricci delle acque, le alte e le basse maree, il disordinato svolazzare di troppi piccioni, e l’ininterrotto affluire di turisti armati di impermeabile e stivali di gomma in tutte le stagioni a renderla tale?

I creatori dell’istallazione, gli architetti Paolo Cesaretti e Antonella Dedini, hanno pensato la città lagunare in bilico tra passato, confini e contemporaneità e hanno deciso allora di collocare questo elemento di prepotente rottura nello snodo urbano che segna il limite fra il tempo contemporaneo della terraferma e il tempo sospeso della città. E per vedere questa inaspettata presenza artistica-architettonica amica dell’amibiente (realizzata da Delled utilizzando tecnologia Led di ultima generazione con consumo energetico e impatto ambientale estremamente ridotto), c’è tempo fino a novembre.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana