Google+

Quell’indirizzo di Napoli che ho immaginato per tutta la vita

luglio 20, 2015 Marina Corradi

cancello-ferro-battutoArticolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Napoli, luglio. Via Aniello Falcone, 36. Per quanti anni ho sentito nominare questo indirizzo di Napoli. Sta scritto, ancora, su decine, forse un centinaio di buste ingiallite: spedite durante la guerra da mio padre, alpino sul fronte russo, alla sua fidanzata, mia madre, che in quegli anni viveva con la famiglia laggiù. Quasi una lettera al giorno, vergata a mano su una carta ruvida, con una calligrafia aspra e verticale. Lettere datate con nomi di lontani paesi, persi nella steppa. Lettere di amore e di nostalgia, e di voglia di tornare.

Miracolosamente, almeno ai miei occhi, in guerra le Poste funzionavano. Ogni mattina il postino depositava una nuova lettera nella casella di via Aniello Falcone, 36. Mia madre aveva poco più di vent’anni ed era infermiera volontaria nella Croce Rossa. Nelle foto, nella divisa candida, è altera e quasi angelica, alle sue spalle il gran mare di Napoli.

Questa via Aniello Falcone quindi era un luogo che io per tutta la vita mi sono immaginata. L’altro giorno, di passaggio a Napoli, senza averlo preventivato sono salita su un taxi e ho detto: via Aniello Falcone 36, per favore.

Dal Duomo il taxi ha preso a salire lungo il mare, verso il Vomero, un quartiere in collina affacciato sul golfo. Palazzi d’epoca, giardini, palme e bouganville viola esuberanti, sgargianti, sporte verso il mare come belle donne affacciate a un balcone. A tratti, alle curve, ti si spalanca davanti la striscia blu profondo del mare; e toglie il fiato la mole azzurrina di Capri, e la retta sterminata dell’orizzonte.

Ma avvicinandomi a via Aniello Falcone avvertivo come una leggera accelerazione del cuore, come di chi va a un appuntamento importante. Mi guardavo intorno e mi dicevo: così, questa era la strada che facevi, ogni mattina. E mi immaginavo mia madre, per strada, sottile, i suoi passi veloci, ancora non toccato dagli anni il suo bel viso. Ho intravisto una chiesa: forse, mi sono detta, era quella in cui certi giorni entravi, e accendevi una candela.

«È qui», ha detto infine il tassista, fermandosi davanti a una villetta d’epoca, rosa, di due piani, non grande, con un piccolo giardino. Allora sono scesa e mi sono avvicinata e ho allungato una mano a toccare le sbarre del cancello di ferro nero, vecchio, che quasi certamente è lo stesso di allora. Ho alzato gli occhi ai balconi e ho pensato: da qui dunque, la mattina, ti affacciavi. Non ho visto alcuna cassetta delle lettere, e mi è dispiaciuto. Poi ho accarezzato ancora brevemente con gli occhi la casa, e me ne sono andata.

Per tutta la mattina mi sono sentita come accompagnata. Nei miei pensieri mia madre si confondeva con mia figlia, che le somiglia un po’, e come lei in quelle foto degli anni della guerra è delicata e leggera. Settantacinque anni fa, mia madre, una fanciulla come Caterina.

Più invecchio, pensavo andando verso l’aeroporto di Capodichino, e più mi accorgo di che mistero profondo, assoluto è il tempo: come una fossa abissale nell’oceano. Ma, ancora, nell’oro del sole di Napoli quell’eco che mi accompagnava: come di passi lievi, e di capelli lunghi, sciolti, al vento.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana