Google+

L’importanza di essere innamorati. Per i santi come per le colf

aprile 18, 2016 Pippo Corigliano

santa-caterina-siena-statua-roma-shutterstock_142196395

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Una volta Vittorio Messori intervistò una collaboratrice familiare che aveva dedicato la vita a Dio e agli altri decidendo di non sposarsi. Lavorava molto e cucinava bene. Le chiese: «Ma perché fai tutto questo?», e lei rispose: «Per amor di Dio». Vittorio si commosse. «Per amor di Dio! Per amor di Dio! Ma chi dice oggi questo?».

L’episodio è vero. Sapevo che Vittorio ha un cuore d’oro ma sapevo anche che lo nasconde spesso con un modo di fare bisbetico… Si dimentica ogni tanto e me lo chiede: «Pippo, come sono io?». «Bisbetico», gli rispondo. Però il bisbetico si commosse.

È importante essere innamorati. Quando una mamma chiese a san Josemaría come trasmettere la religiosità ai figli (7, per la precisione) lui rispose: «Vogliatevi molto bene fra di voi». L’amore è un’esperienza unica nella vita e qualche volta bisogna provarla, negli altri e in se stessi.

Sempre san Josemaría, arrivato ai settant’anni, diceva: «Trovatemi un vecchietto che vi parli d’amore come faccio io…». Perciò santa Caterina (e con lei tutte le sante) parlava di Gesù come il suo sposo. I familiari e suo padre le facevano opposizione finché un giorno il babbo entrò nella sua stanza e vide la colomba dello Spirito Santo su sua figlia in preghiera. Allora disse “basta!” e proibì ai figli di importunarla, aggiungendo: «Che poi non è così male avere Gesù come genero».

E davvero Caterina fu mamma e così la chiamavano anche tanti che erano più anziani di lei. L’amore è la guida della nostra, della mia vita.

Foto statua santa Caterina da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana