Google+

Imperiale carrello di bolliti

febbraio 28, 2016 Tommaso Farina

carrello-bolliti-leoncino

Pubblichiamo l’articolo contenuto nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Rieccoci a condurvi in uno stupendo covo della cucina tradizionale, quella d’antan, quella che non si vergogna dei carrelli dei bolliti e degli arrosti, con troppa fretta snobbati dai ristoratori laureati. Sabrina Tecchio non snobba un accidente. Lei, vicentina col certificato, rappresenta la quarta generazione della famiglia che manda avanti la Trattoria Leoncino, ad Altavilla Vicentina, fin dal 1890. Beh, 125 anni di storia non sono affatto pochi. E li respirerete tutti in queste sale grandi, con specchi, antichi orologi, quadri di ogni estrazione, decori deliziosamente annosi. Entrando, avrete notato la cucina a vista, aperta ai quattro angoli. E vi sarà salita la libidine del bollito.

Si può partire con gli antipasti al buffet, che comprendono insalate russe, salumi e altri stuzzichi. Ma se fossimo in voi, cominceremmo direttamente con un primo piatto. Ad esempio, le fettuccine con broccolo Fiolaro di Creazzo (varietà locale) e pecorino, davvero ben riuscite; i bigoli con l’anatra, ghiotti ma sempre equilibrati; le lasagne al radicchio di Treviso; la pasta e fagioli; le pappardelle al cinghiale; gli gnocchi con zucca e tartufo.

Trattenetevi, perché ora arriva il bello. Qui, il carrello dei bolliti gira come se fosse in pista, e c’è sempre: cotechino, testina (sublime), manzo in due tagli di diversa grassezza, gallina, lingua, addirittura la costina di maiale. Il tutto, servito con la classica pearà veneta (salsa di pane, midollo e pepe) e con le salse di prammatica, oltre che con un vero puré di patate casalingo. Potreste anche trovare il carrello degli arrosti: carrè, faraona, anatra e parecchio altro. Se proprio non ce la fate, ordinate un filetto in vari modi, oppure un baccalà alla vicentina molto delicato.

I dolci sono anch’essi a carrello: arance caramellate, budini, torte, ananas… La cantina è discreta, ed è presentata sulla carta. Il menù invece è a voce, ma fuori sono esposti i prezzi, che vanno, a seconda delle scelte, dai 40 ai 50 euro a testa. Una sosta simpatica.

Per informazioni
Trattoria Leoncino
trattorialeoncino.com
Fraz. Tavernelle
Via Tavernelle, 72 Altavilla Vicentina (Vicenza)
Tel. 0444572032
Chiuso domenica sera e lunedì


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Yamaha Tracer 700, si candida per il ruolo di protagonista nel segmento crossover di media cilindrata. Finiture e qualità sono degne del marchio che porta. Agile e leggera offre una guida molto divertente richiedendo poco impegno e non si tira indietro se si tratta di viaggiare. Le manca solo un monoammortizzatore più completo.

Disponibile in oltre 60 città italiane e 300 europee permette di gestire tutte le operazioni relative alla sosta, pagamento compreso.

Una rassegna espositiva racconta gli straordinari artigiani che nel ‘900 fecero della bicicletta un'opera d’arte, i grandi giornalisti che contribuirono alla nascita del giornalismo sportivo, i personaggi che lanciarono le due ruote e gli eroi del pedale che ne immortalarono il mito.

Il restyling della cinque porte bavarese porta in dote un aggiornamento della connettività e dei servizi d’infotainment sulla falsariga di quanto introdotto dalla nuova Serie 3. Gamma motori da 150 a 326 cv e consumi ridotti del 14% rispetto al passato.

Il prezzo d’attacco è prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle utilitarie più economiche, performanti e meglio accessoriate.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana