Google+

Il vero tempio del baccalà

settembre 27, 2015 Tommaso Farina

baccala-vicenza-farina

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Il baccalà e lo stoccafisso sono doni di Dio al suo popolo, senza perifrasi. Dal merluzzo salato o essiccato si ottengono piatti che commuoverebbero il calvinista più cinico. Ad esempio, il baccalà mantecato e quello alla vicentina. E qui, tra l’altro, la faccenda si complica: in Veneto, come abbiamo già raccontato altre volte, il baccalà (anzi, bacalà, con una “c” non raddoppiata) è in realtà lo stoccafisso. Il baccalà vicentino e quello veneziano sono dunque elaborazioni del merluzzo secco, e non di quello al sale. Ma a noi non interessa: ci accontentiamo della loro bontà.

Mesi fa, vi avevamo condotto alla trattoria Da Culata, a Montegalda (Vicenza). Oggi andiamo nel paese vicino, Montegaldella, e ci sediamo da Cirillo. Cirillo, tempio del baccalà, nacque nel 1942, proprio nel bel mezzo della guerra. Ma ha resistito a tutte le guerre, a quella fredda e alla minaccia atomica e anche alla guerra del Golfo, e se ne sta lì, col suo ampio parcheggio e la sala piuttosto datata ma bella, con grandi riproduzioni di famosi quadri a tema mangereccio (la Vucciria di Guttuso, per dire) e tavoli decisamente spaziati e spaziosi.

A tavola, una carta dei vini piccola ma buona (c’è pure il vino vicentino), e un menù deliziosamente immutabile. Si parte con l’antipasto: baccalà mantecato e baccalà in insalata. Perfetti. Ciò non toglie che potrete avere anche sarde in saor e salumi locali. Di primo, saranno corposi e ricchi i bigoli col baccalà, dal condimento pastoso e avvolgente. Se siete in due, c’è pure il risotto al baccalà, e i solitari avranno gli spaghetti alla Cirillo (aglio, olio e baccalà) o la pasta e fagioli.

Il piatto forte è un monumentale baccalà alla vicentina con la sua polenta: potente, scolpito, piacevolmente grasso e tradizionale. Ma non demerita nemmeno il baccalà alla barcarola. Più “normali” gli altri piatti. Si chiude coi formaggi (i caprini di Montegalda o il Vezzena d’alpeggio), o con la bavarese di cioccolato bianco e arance. La spesa? Circa 35 euro a testa, molto onesta vero?

Per informazioni
Trattoria Da Cirillo
www.dacirillo.it
Via Lampertico, 13 Montegaldella (Vicenza)
Tel. 0444636025
Chiuso il lunedì


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana