Google+

Il suicidio solitario di Arin, circondata dai jihadisti, e quello di Brittany, sconfitta dal cancro

ottobre 21, 2014 Annalisa Teggi

«Non vedi tu la morte che ‘l combatte/ su la fiumana ove ‘l mar non ha vanto?» (Inferno, canto II)

Tutti abbiamo visto quella bandiera nera che sventolava sulla collina di Kobane. Nella grande economia di una guerra complessa, ecco una tragedia semplice da comprendere: una città curda assalita dall’esercito dell’Isis diventa strategicamente molto rilevante; si trova in territorio siriano, ma è vicinissima al confine turco. Gli occhi dei potenti osservano gli eventi, pianificano e infine semplicemente assistono. Assistono anche i curdi di Turchia, costretti a non varcare il confine siriano e a non andare in soccorso dei loro fratelli che pure sono lì, pochi metri oltre i carri armati schierati da Erdogan. Intanto i raid aerei americani non sortiscono un’efficacia risolutiva.

ARIN-MIRKAN-facebookAlla fine i curdi di Kobane combattono da soli, casa per casa. E scarseggiano le munizioni. E cominciano i massacri di civili perpetrati dalle milizie del Califfato. Anche le donne curde combattono, sapendo a cosa vanno incontro se cadono in mano al nemico: stupri di massa e decapitazione. Tra queste combattenti c’era anche la giovane Arin Mirkan (foto a destra), mamma di due bimbi. Quando Arin si è trovata senza munizioni e circondata dal nemico, ha scelto un’estrema forma di attacco come ultima risorsa: ha usato l’esplosivo per farsi saltare in aria, uccidendo oltre se stessa un imprecisato numero di jihadisti. «Saranno dieci in meno che vanno a uccidere i miei figli», ho pensato che il soldato Arin abbia considerato la cosa da questo punto di vista. Ma, in realtà, non so proprio cosa le sia passato per la testa, perché lei era là nel pieno della furia della guerra e noi eravamo tutti al di qua del confine di sicurezza, a guardare.

Anche Brittany Maynard ha visto il nemico invadere casa sua. Si è sentita una bandiera nera conficcata nel corpo, il suo nome: glioblastoma, il più aggressivo e mortale dei tumori cerebrali. A 29 anni, sposata da poco, Brittany si è trovata dentro questa guerra, in cui i «raid» della medicina non sarebbero stati comunque efficaci. Senza via d’uscita, solo mesi di dolore. E ha fatto la sua scelta: in un video che ha commosso l’America, la giovane sposa ha raccontato la sua decisione di ricorrere al suicidio medicalmente assistito, da lei definito una morte con dignità. L’opinione pubblica commossa assiste, un passo dietro il confine, quello spazio di libertà che Brittany chiede venga rispettato.

Mi chiedo se, in fondo, questa rispettosa distanza non sia un carro armato mimetizzato, qualcosa che non è lì per proteggere, bensì per lasciare isolata una città in guerra. L’idea che una qualsiasi forma di morte tolga dignità all’uomo fa paura; ma è un’ombra cupa, e falsa. Perché la sola inerte presenza di un corpo sofferente è una testimonianza muta e luminosa della dignità umana, che non dipende dalle forme belle, sane e adeguate del nostro essere, ma c’è lì dove c’è un uomo; è la dignità radicata nel valore nudo e assoluto del nostro esserci. Forse anche questo può essere l’ultimo dirompente colpo esplosivo che lancia chi non ha altro che un rantolo di vita. È un soldato senza via d’uscita che affronta il nemico, non lo sconfigge, ma indebolisce il terrorismo delle sue ombre, in nome di chi resta e vede quella bandiera nera far breccia alla porta di casa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana