Google+

Il “sogno cinese”? «Non è la dittatura». Subito censurata la canzone che sfotte il Partito comunista Video

aprile 9, 2013 Leone Grotti

 «Il sogno cinese non è la dittatura o un governo autoritario. Non è neanche un sogno cancellato». Comincia così la canzone di Li Lei, conosciuto nel mondo del web cinese per le sue canzoni satiriche, che ha deciso di parodiare il discorso tenuto dal segretario del Partito comunista cinese e presidente del Paese Xi Jinping al termine della Prima sessione della 12esima Assemblea nazionale del popolo. La canzone, diffusa venerdì in Cina, è stata cancellata dalla censura lo stesso giorno per ben due volte.

SOGNO DEL PARTITO. All’ultima riunione del Parlamento farlocco cinese, Xi aveva dichiarato: «Dobbiamo continuamente impegnarci con volontà indomita e portare avanti la grande causa del socialismo con caratteristiche cinesi, per raggiungere il sogno cinese di grande rinascita della nazione». Un sogno fatto di «benessere della popolazione», Pil raddoppiato e «una società armoniosa» e che non può prescindere dal «socialismo con caratteristiche cinesi», ovvero dal dominio del Partito comunista.

SOGNO DEL POPOLO. Li Lei, per prendere in giro il Partito, che ha diffuso solo corruzione, aborti e sterilizzazioni forzate e inquinamento, ha deciso di fare un motivo ironico, ha indossato i suoi “vestiti rossi” e ha cantato: «Il sogno della Cina è il sogno del popolo, un sogno di democrazia e di un governo costituzionale». La censura è arrivata immediata. Prima di essere cancellato, il video è stato anche pubblicato su Youtube.

SOGNO CENSURATO. Tantissimi sono stati gli utenti che su internet hanno commentato il video in poco tempo prima che fosse cancellato: «Le parole della canzone esprimono il nostro punto di vista e sono d’accordo» ha scritto l’attivista Xu Lin insieme a tanti altri. «Il sogno cinese dei cittadini è molto diverso da quello del Partito» ha poi dichiarato l’autore del video Li Lei, come riportato da Radio Free Asia. «Per questo ho rubato l’idea del sogno cinese e ho cantato quello che tanti cinesi poi mi hanno confermato essere anche i loro desideri. Io li ho solo gridati forte». Cosa che la censura del Partito comunista non può accettare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.