Google+

Il “sogno cinese”? «Non è la dittatura». Subito censurata la canzone che sfotte il Partito comunista Video

aprile 9, 2013 Leone Grotti

 «Il sogno cinese non è la dittatura o un governo autoritario. Non è neanche un sogno cancellato». Comincia così la canzone di Li Lei, conosciuto nel mondo del web cinese per le sue canzoni satiriche, che ha deciso di parodiare il discorso tenuto dal segretario del Partito comunista cinese e presidente del Paese Xi Jinping al termine della Prima sessione della 12esima Assemblea nazionale del popolo. La canzone, diffusa venerdì in Cina, è stata cancellata dalla censura lo stesso giorno per ben due volte.

SOGNO DEL PARTITO. All’ultima riunione del Parlamento farlocco cinese, Xi aveva dichiarato: «Dobbiamo continuamente impegnarci con volontà indomita e portare avanti la grande causa del socialismo con caratteristiche cinesi, per raggiungere il sogno cinese di grande rinascita della nazione». Un sogno fatto di «benessere della popolazione», Pil raddoppiato e «una società armoniosa» e che non può prescindere dal «socialismo con caratteristiche cinesi», ovvero dal dominio del Partito comunista.

SOGNO DEL POPOLO. Li Lei, per prendere in giro il Partito, che ha diffuso solo corruzione, aborti e sterilizzazioni forzate e inquinamento, ha deciso di fare un motivo ironico, ha indossato i suoi “vestiti rossi” e ha cantato: «Il sogno della Cina è il sogno del popolo, un sogno di democrazia e di un governo costituzionale». La censura è arrivata immediata. Prima di essere cancellato, il video è stato anche pubblicato su Youtube.

SOGNO CENSURATO. Tantissimi sono stati gli utenti che su internet hanno commentato il video in poco tempo prima che fosse cancellato: «Le parole della canzone esprimono il nostro punto di vista e sono d’accordo» ha scritto l’attivista Xu Lin insieme a tanti altri. «Il sogno cinese dei cittadini è molto diverso da quello del Partito» ha poi dichiarato l’autore del video Li Lei, come riportato da Radio Free Asia. «Per questo ho rubato l’idea del sogno cinese e ho cantato quello che tanti cinesi poi mi hanno confermato essere anche i loro desideri. Io li ho solo gridati forte». Cosa che la censura del Partito comunista non può accettare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana