Google+

Un romanzo “scoreggion-criminale”

settembre 3, 2015 Fulvio Abbate

marco-travaglio-ansaSabato 29 agosto, durante la “Festa del Fatto quotidiano” organizzata dall’omonima testata presso i giardini di Castel Sant’Angelo a Roma, è andato in scena “Romanzo Capitale”, e cioè una lettura drammatizzata delle intercettazioni telefoniche raccolte (e già ampiamente diffuse dai giornali) nell’ambito dell’indagine giudiziaria nota come “Mafia Capitale”. Pubblichiamo di seguito alcuni stralci dell’ironica “recensione” dello spettacolo scritta da Fulvio Abbate per il Garantista, riproposta integralmente da Dagospia.

Sia detto senza polemica, ma i bravi attori  – oh, ma bravi davvero bravi – che “recitano” le intercettazioni dell’inchiesta “mafia capitale” alla festa romana del Fatto Quotidiano con talento da commedia all’italiana reloaded, bravi e convinti, ma davvero convinti d’essere lì a piantare il papello della denuncia, tutti loro, sia detto con il massimo della franchezza, dimostrano il decesso giornalistico della fantasia camuffato però da morte della legalità.

Quella roba orchestrata per l’occasione dal capogita Travaglio, infatti, non è teatro civile, non è teatro militante, non è teatro verità, è piuttosto quanto di più crudele si possa ordire in termini scenico-politici. Roba da anvedi questo, anvedi chi cazzo se sente… Commedia scoreggion-criminale da stagione teatrale all’ombra della Quercia del Tasso, roba però che Maurizio Battista in confronto diventa Ionesco.

(…) Lo spettacolo degli attori bravi, davvero bravi, ordito invece dai convocati del Fatto Qutodiano grida vendetta in nome della vera ironia, grida vendetta contro la dittatura dell’ovvietà post-girotondina. L’ho detto o non l’ho detto che rappresenta il decesso della fantasia camuffato da morte della legalità?

Tu adesso, preoccupato dall’assalto oggettivo alla diligenza del bene comune del Campidoglio, mi dirai: è bene che la gente sappia tutto l’orrore che Buzzi, Carminati e il loro intero clan affaristico-criminale hanno donato all’Urbe, e qui sgorgano parole di veemente, necessario sdegno. Vuoi mettere, insomma, Sabrina Ferilli nostra che dice che ‘sto schifo deve da finì? Vuoi mettere, no?

(…) Tutta roba che, ahimè, non riesce tuttavia a diventare davvero teatro leggero tra Alvaro Amici e ri-Maurizio Battista, ma assomiglia semmai ai banner di gusto grillino che ammorbano Facebook e l’intera rete per denunciare ‘sti cornuti, ‘sti gran pezzi demmerda che ce stanno a rubbà li quatrini nostri… Retorica da M5S con prenotazione obbligatoria presso la trattoria “da Cencio la Parolaccia” (…).  Mancava ancora la celebre “Nun me rumpe er ca’…” cantata da Gigi Proietti in versione giustizialista, piegata all’estetica del post-mani pulite pronta a trovare in Grillo, Casaleggio e nei loro adepti una nuova possibilità di vita, di platea. Sembra quasi che, finalmente, proprio grazie alla filodrammatica glamour del Fatto Quotidiano il compianto Bombolo abbia idealmente ottenuto la scrittura per vestire i panni di Madre Courage nell’ennesimo remake di Romanzo criminale. (…)

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

10 Commenti

  1. Matteo Bassi scrive:

    Onestamente Travaglio è uno che è diventato qualcuno diffamando gente…non mi fermo a giudicare se abbia ragione o meno ,ma rendiamoci conto che questo qui come tanti purtroppo in Italia ,fa su palanche compreso in questa squallida operetta teatrale(se di teatro si può parlare) buttando letame addosso alla gente. Che l’urbe sia mafiosa lo si sa dalla notte dei tempi caro Travaglio,non mi sarai mai simpatico…Vivi del sudore del tuo lavoro non dai fiati della tua bocca

    • Daniele scrive:

      E perché non si dovrebbe buttare letame addosso alla gente, se questa gente merita di essere coperta di letame?

      • Giannino Stoppani scrive:

        Perché sennò ti tocca comprare pure a te una maschera antigas.

      • Pepito scrive:

        Scusa Daniele ma non sarai mica lo stesso Daniele che sotto l’altro articolo hai affermato di essere stato 6 mesi in USA per il dottorato e, invece di studiare, ti sei ammazzato di pippe?!

        • Sebastiano scrive:

          No guarda che era diverso: lui ha detto che lo pagavano per fare quello che tanto avrebbe fatto lo stesso….
          (sto ancora ridendo)

        • Daniele scrive:

          Sì, sono lo stesso. Però non direi che mi sono “ammazzato” di pippe. Insomma, una o due alla settimana mi pare un ritmo sostenibilissimo per un maschio giovane. E tempo per studiare me ne rimaneva 😉 E comunque non vedo il nesso logico fra le pippe e la mia stima per Travaglio…

          • Giannino Stoppani scrive:

            “E comunque non vedo il nesso logico fra le pippe e la mia stima per Travaglio…”
            Io sì!

          • Sebastiano scrive:

            “…Però non direi che mi sono “ammazzato” di pippe. Insomma, una o due alla settimana mi pare un ritmo sostenibilissimo per un maschio giovane. E tempo per studiare me ne rimaneva…”

            Ahahahahahahahahahh….
            Oddio, basta, credo che mi verrà un’ernia dalla risate….

            • giovanna scrive:

              Mah, Sebastiano, se poi consideri che queste robe le ha scritte una donna cinquantenne, con problemi d’autismo, effettivamente la cosa fa un po’ ridere, ma anche un po’ piangere.
              Questi racconti di prodezze sessuali o simil-sessuali le escono spesso, ne ha scritte di ogni sul genere….., si è persino vantata, con un altro horror nick maschile, di aver abusato di una collega ……non so, a me fa una tristezza infinita.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download