Google+

Il risveglio dell’Italia

febbraio 2, 2011 Mariapia Bruno

Apre i battenti il prossimo 13 febbraio al Museo d’Arte della città di Ravenna (Mar), la retrospettiva intitolata “L’Italia s’è desta: 1945-1953. Arte italiana del secondo dopoguerra, da De Chirico a Guttuso, da Fontana a Burri”. Si tratta di una bella pagina di storia dell’arte italiana che ci racconta lo sbocciare dei nuovi fermenti espressivi nel periodo che va dalla fine della seconda guerra mondiale al ’53, l’anno in cui venne organizzata, prima alla galleria Nazionale di Arte Moderna Roma, poi al Palazzo Reale di Milano, una grande mostra dedicata a Picasso, considerato già all’epoca uno dei più importanti – se non il maggiore – artista del Novecento che con la propria arte aveva influito sulle scelte pittoriche degli artisti italiani attivi negli anni Cinquanta, infatuati dal modello Neocubista della sua Guernica.

 

In mostra le opere degli artisti che in quegli otto anni, tra dibattiti culturali, nuovi gruppi e movimenti, hanno dato il loro contributo al decisivo rinnovamento dell’arte nel nostro paese. In quegli anni nascevano, infatti, la “Fondazione Origine” (1949) in ambito romano con Ballocco, Burri, Capogrossi, “il Gruppo dell’Astrattismo Classico” (1950) a Firenze con alla guida Berti e Nativi, lo “Spazialismo” (1947) di Fontana e il “MAC Movimento Arte Concreta” (1950) a Milano e il “Gruppo degli Otto” (con Afro, Birolli, Corpora, Moreni, Morlotti, Santomaso, Turcato e Vedova) che professava la formula dell’Astratto Concreto.
Protagonisti dell’evento, oltre ai sopracitati, anche coloro che, attivi nella prima metà del secolo, hanno lasciato il loro ultimo contributo in quegli anni, come Morandi, De Pisis, Balla, Carrà, Casorati, De Chirico, Martini, Marini e Manzù. Ampio spazio viene dato anche a personaggi come Carol Rama, Luigi Spazzapan, Antonio Zoran Music, Tancredi, e altri giovani bolognesi come Romiti, Bendini, Vacchi, che hanno portato avanti ricerche personalissime che non possono essere ascritte al “credo” di nessun gruppo ufficiale. E’ dunque un panoramica complessiva quella offerta da questa ricca mostra che, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna e dal Museo d’Arte della città, rimarrà aperta fino al 26 giugno 2011.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana