Google+

Il prossimo sarà, ancora una volta e per la prima volta, un Papa senza patria

Sia detto con grande modestia, ma noi sappiamo chi sarà il prossimo Papa.
Non sarà europeo o asiatico; di curia o di missione.
Non sarà giovane o vecchio; a tempo o per tutta la vita.
Sarà un Papa senza patria.
Ancora una volta e per la prima volta, un Papa senza patria.

E non lo diciamo in prima istanza per i giornalisti, i vaticanisti, i politicisti, i lobbisti.
Per i togati di tutte le curie, mondane o ecclesiastiche che siano.
Per i militanti delle organizzazioni a sfondo religioso.
Lo diciamo per noi due Barabba borghesi che scriviamo queste righe, chiamati come Matteo e attaccati come il giovane ricco al piccolo posto che ci illudiamo di avere.

Non abbiamo fatto molta strada nella vita, ma ce ne sono tanti che stanno peggio di noi; e possiamo sempre compensare l’insuccesso con la presunzione di aver capito qualcosa. Mentre non abbiamo capito proprio niente.
Magari non stiamo tanto bene, ma resistiamo ad ammettere di aver bisogno di essere salvati.
Per noi Barabba borghesi, che siamo messi peggio di ladri e prostitute, e per i Barabba veri il prossimo sarà un Papa senza patria, uno di quelli che sa cosa significa non essere di nessun posto.

(dedicato a Paola e Claudia)

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

La coupé nipponica, attesa al debutto nel 2018, condividerà con la futura spider BMW Z5 pianale e materiali compositi. Potrebbe adottare un powertrain ibrido o, in alternativa, un V6 biturbo benzina da almeno 400 cv.

È la prima auto elettrica solare al mondo destinata alla produzione in serie. Debutterà nel 2018 con prezzi da 12.000 euro, un’autonomia massima di 250 km e un sistema di purificazione dell’aria mediante licheni.

Questa concept esposta a Parigi apre la via alle elettriche Mercedes di domani. Le parole d'ordine sono connettività, guida autonoma, condivisione ed elettricità

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana