Google+

Il post-impressionismo francese di Henri de Toulouse-Lautrec ha trovato casa

aprile 16, 2012 Mariapia Bruno

Quello che a prima vista potrebbe sembrare un classico e pittoresco comune francese, ubicato nella regione del Midi Pirenei, in realtà si appresta a divenire un punto di richiamo per tutti gli appassionati di arte contemporanea: si tratta della cittadina di Albi, anticamente nota come Albiga, nel cui cuore è stato appena inaugurato il nuovo Museo Toulouse-Lautrec. Ci sono voluti dieci anni di lavori per trasformare quel luogo unico del Palazzo della Berbie – una imponente fortezza del XIII° secolo, residenza dei vescovi di Albi fino al 1905 e attualmente uno dei principali monumenti della residenza episcopale di Albi – nel contenitore perfetto per ospitare, accanto alle oltre mille opere tra dipinti, disegni e manifesti contemporanei, la più grande collezione al mondo dedicata a Henri de Toulouse-Lautrec, il famosissimo pittore francese post-impressionista che proprio ad Albi vide i natali nel 1864.
Percorrendo le sale di questo nuovissimo spazio espositivo è allora possibile respirare quell’aria di fine ottocento di cui T-Lautrec, come era solito firmarsi, ha impregnato le sue opere. Tra queste spiccano il manifesto Ambassadeur Aristide Bruant dans son cabaret del 1892, il dipinto Au salon de la rue des Moulins del 1894 dove la provocazione – le sei signore in attesa di clienti in quello che non è altro che un lupanare aristocratico dell’epoca – è camuffata da una eleganza di pose e colori, e il ritratto La modiste (1900), che l’artista firma un anno prima della sua morte, considerato una delle sue migliori creazioni. Da quest’opera traspare il forte interesse di Lautrec per la resa psicologica del soggetto e a tal proposito Paul Leclercq ha affermato: «A Lautrec piaceva far emergere la personalità di ogni individuo; lo interessavano e lo divertivano la freschezza e l’ingenuità delle piccole menti capaci di vedere con schiettezza. La compagna occasionale di uno dei suoi amici fu a lungo una delle migliori sue amiche. Si trattava di una giovane modista dalla sontuosa capigliatura bionda, con un viso sottile da vivace scoiattolo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana