Google+

Il Partito comunista obbliga i tassisti di Pechino a non abbassare i finestrini durante il Congresso

novembre 2, 2012 Leone Grotti

L’8 novembre in Cina si apre il 18esimo Congresso nazionale del Partito comunista cinese (Pcc). È l’evento più importante da dieci anni a questa parte anche se è più atteso dai media occidentali che dai cittadini cinesi, visto che le persone non possono né partecipare né decidere del loro futuro, ma siccome verranno nominate le sette persone che entreranno a far parte del Comitato permanente del Politburo del Pcc e che comanderanno la seconda economia più forte del mondo per i prossimi dieci anni, l’attesa è giustificata.

VIETATO ABBASSARE IL FINESTRINO. Per l’occasione niente deve andare storto, anche per questo i dissidenti sono stati messi a tacere e sono state prese misure di sicurezza (v. oscuramento del Nyt) perché non esca alla luce del sole niente di sconveniente. Una delle misure di prevenzione è per i tassisti di Pechino: in occasione del Congresso non potranno tenere i finestrini abbassati, mentre scorrazzano per la città, e addirittura saranno obbligati a rimuovere le manopole dai posti posteriori per impedire che i clienti tirino giù il finestrino.

VIETATO AVVICINARSI A PIAZZA TIANANMEN. Il timore è che qualcuno possa «disturbare l’ordine pubblico», gridare slogans o lanciare oggetti. Una misura forse eccessiva, visto che ai tassisti sarà anche vietato di girare attorno a piazza Tiananmen, dove si trova il Palazzo dove si terrà il Congresso. Tutti i tassisti sono stati incoraggiati dal Partito a prendere deviazioni. I tassisti sembrano avere preso con ironia queste misure, come gli utenti cinesi su Weibo, il twitter/facebook cinese, dove un utente ha però sollevato un grave problema: «E se un cliente scoreggia, i tassisti cosa devono fare secondo il Partito comunista?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana