Google+

Il mondo a testa in giù

dicembre 12, 2011 Marina Corradi

Nei giorni del gran caldo incontro nell’ascensore del giornale un collega. Come si usa fare in quegli istanti di leggero imbarazzo in cui ci si trova faccia a faccia mentre l’ascensore lentamente deglutisce i piani, parliamo del tempo. Dell’afa che schiaccia e incolla Milano, quando credevamo che l’estate fosse finita. Il mio collega, un ragazzo grande e grosso, mite, sorride: «Passerà», dice. Poi la porta metallica si chiude su quel suo sorriso da buono. Il mattino dopo mi dicono che quel collega è morto d’improvviso, nella notte. E ora continua a ritornarmi in mente la sua faccia gentile, mentre la porta d’acciaio si chiude; mi torna in mente quel sorriso timido, e sono sbalordita di quel suo essere morto così, in un istante, rapito da un’imperiosa sconosciuta.

Ma stranamente, parallelo a questa immagine, torna e ritorna nei miei pensieri un altro ricordo, senza alcuna logica apparente. È un gioco fatto da bambina, quando in un pomeriggio annoiato, sdraiata sul divano, avevo provato a guardare il mondo capovolto. Con la testa all’ingiù, i capelli che sfioravano il tappeto, ho visto il soffitto bianco diventare il pavimento di una bizzarra stanza: vuota, senza alcun arredo, ma sovrastata invece da un affollato soffitto da cui irragionevolmente pendevano librerie, e poltrone alla rovescia. Guardavo affascinata quel mondo capovolto, pensando: non è irreale ciò che vedo, è invece la stessa realtà, ma vista da una diversa angolazione.

E adesso perché quel gioco infantile torna così insistente, e si accosta tenace all’ultimo sorriso di un amico andato via all’improvviso? Sembra che una parte di me mi suggerisca di guardare ancora la realtà, da un’altra prospettiva. Guardiamo alla morte, noi ormai quasi naturaliter pagani, con un beneducato orrore. Ci diciamo, sì, la domenica, che risorgeremo, e che la vita vera è quella eterna; però cerchiamo di non nominare la morte, di non pensarci, e quando proprio ci passa accanto ne restiamo annichiliti. E se fosse, invece, vera la realtà capovolta? Se davvero, come insegnano i santi, il morire fosse un nascere a una vita eterna – un ritornare felice? Immaginare audacemente un mondo alla rovescia, come nel gioco a testa in giù da bambina: un mondo dove alla morte non s’accompagna il lutto, il nero e l’angoscia del dissolvimento, ma invece si è così certi di una nuova vita, da appendere alle porte delle case di chi muore quei fiocchi rosa o azzurri che annunciano un nuovo bambino. Se questa – così apparentemente folle – fosse la prospettiva vera?

Rimastico e rimugino quell’ultimo sorriso in ascensore e il mio gioco lontano; chi, poi, me li avvicina, me li accosta così cocciutamente nei pensieri? «Rovescia ciò che appare, osserva con uno sguardo capovolto. Vedi? Quello che sembra fine, è l’inizio. Non c’è da avere paura». (Chissà poi chi sussurra, e preme, con questi suggerimenti. Allo specchio dell’ingresso di casa mi guardo, pensierosa. Sono, naturalmente, sola. Non appena esco e scendo per le scale, ritornano: il sorriso sull’ascensore e il gioco del cielo capovolto. Quello che sembra fine è una nascita, insiste chissà quale parte di me, clandestina).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana