Google+

Il mondo ordinario di Warhol ed Haring

giugno 30, 2012 Mariapia Bruno

Potrebbe sembrare a prima vista un accoppiamento banale quello proposto dalla mostra Andy Warhol, Pietro Psaier and the Factory artworks / Keith Haring, Paolo Buggiani and the Subway drawings, che mette insieme i due grandi protagonisti della cultura pop americana: Warhol, simbolo dell’artista che dissacra l’arte e la trasforma in un oggetto di consumo della vita quotidiana, ed Haring, colui che si è servito dei suoi graffiti per invadere gli spazi urbani che quotidianamente consumiamo. La parola consumo fa ovviamente da collante tra i due artisti che hanno vissuto e sperimentato con l’ordinario un’arte straordinaria, fatta di tutti gli oggetti che sono entrati naturalmente nel nostro patrimonio “vissuto” dei nostri giorni. Ma questa retrospettiva aperta fino al 4 novembre 2012 nei Musei della Maremma (prima tappa alla Pinacoteca Civica di Follonica fino al 29 luglio) racconta ben altre curiosità, oltre alla nobilitazione di una scatola di zuppa.

La differenza la fanno la presenza delle opere di Pietro Psaier, pittore italiano che collaborò con il padre delle serigrafie – che a quanto pare amava prendersi tutti i meriti- nella sua Factory newyorchese, e una serie di subway drawings che Keith Haring realizzò clandestinamente nelle stazioni della metropolitana di New York quando non era ancora famoso che sono stati recuperati da Paolo Buggiani, artista seguace di quella street art che dichiarava sui muri <<Questa è arte fatta in segreto per la gente. E’ arte che si suppone non debba esistere. E’ arte su soggetti seri messa dove tutti possano vederla. E’ un’arte estremamente bella per mostrare quante buone potrebbero essere le cose>>.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana