Google+

Il mondo elettrico di Dennis Oppenheim

maggio 11, 2012 Mariapia Bruno

Cinque ferri da stiro capovolti e fissati su una lastra di acciaio, simbolo della terra emana calore, sono il suolo inaspettato su cui poggiano delle piantine grasse: ecco come si scatena la visionaria fantasia di Dennis Oppenheim, artista poliedrico, pilastro dell’arte concettuale nordamericana e iniziatore della Land e Body art, scomparso lo scorso anno nella sua città d’adozione, New York. A lui Merano Arte dedica, dal prossimo 19 maggio, la retrospettiva Electric City, il cui titolo riprende il nome della sua città natale che sembra aver prefigurato la sua attività.

Sono infatti contenitori evocatori di forza, energia e movimento le opere piccole e grandi – case capovolte, macchine, oggetti d’uso quotidiano, alberi e metalli  – su cui l’artista inietta un prepotente flusso vitale. Visibili fino al 9 settembre 2012, le nove sculture-installazioni in mostra – realizzate da Oppenheim tra la metà degli anni Ottanta e la fine del decennio successivo e legate dall’idea di una continua metamorfosi delle forme – raccontano di un universo solo all’apparenza paradossale, che ha permesso a un genio dell’ironia e della creatività di seguire senza limiti la propria ricerca espressiva.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana