Google+

Il Mediterraneo della memoria nelle opere di Roberto Mangú

novembre 29, 2012 Mariapia Bruno

«Ciò che è stato sarà, purché ce ne ricordiamo» scriveva il poeta Louis Aragon, una filosofia che il pittore andaluso Roberto Mangú adotta nelle sue opere che si riscaldano di ricordi e colori mediterranei, dove il nostro presente si trasforma in un «altro attuale» atemporale, e le forme si installano nella nostra memoria proiettandosi verso il futuro. Ci raccontano proprio del Mediterraneo, del mare blu, dell’oro e della notte calda dei Paesi che lo circondano, le 25 opere di grandi dimensioni protagoniste della mostra Roberto Mangú. Mar Adentro aperta dal prossimo 2 dicembre al 20 gennaio 2013 presso il Museo di Santa Giulia di Brescia.

Si tratta di una riflessione sulla modernità da parte di un protagonista dell’arte contemporanea che, cresciuto intellettualmente a Parigi, riesce a coniugare la natura di spirito libero del meridione e quella di figlio dell’industria Europea, senza trascurare i riferimenti ai grandi maestri del passato: da Van Gogh e i campi di grano della Provenza, da Mirò a Nicolas de Staël, il russo divenuto mediterraneo che non resistette alla unicità tragica di questo mare  sfracellandosi  sulle rocce di Antibes.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

La coupé nipponica, attesa al debutto nel 2018, condividerà con la futura spider BMW Z5 pianale e materiali compositi. Potrebbe adottare un powertrain ibrido o, in alternativa, un V6 biturbo benzina da almeno 400 cv.

È la prima auto elettrica solare al mondo destinata alla produzione in serie. Debutterà nel 2018 con prezzi da 12.000 euro, un’autonomia massima di 250 km e un sistema di purificazione dell’aria mediante licheni.

Questa concept esposta a Parigi apre la via alle elettriche Mercedes di domani. Le parole d'ordine sono connettività, guida autonoma, condivisione ed elettricità

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana