Google+

Il materassino che galleggia col fiato di mezza Europa (un’esemplare storia antispread)

ottobre 2, 2012 Franco Molon

Ancora sguazzando nel mare greco intorno all’isola del mio riposo, siamo (vacanza in gruppo di due) stati coinvolti in una strana storia che offre una speranza all’Europa ben più solida dello scudo antispread.

A giugno un tizio, pare, di Bruges si è comprato un materassino verde per godersi il mare con più agio. Giunta l’ora della partenza si è posto il problema di cosa farsene di un materassino verde nelle nebbie della Vallonia. Allora ha regalato il materassino a due tedeschi appena arrivati sull’isola.

I tedeschi hanno fanno lo stesso ragionamento del belga e l’hanno passato a degli svedesi, che l’hanno dato a dei danesi, che l’hanno lasciato in consegna ad altri tedeschi e via in questo modo fino alla coppia olandese che ce lo ha lasciato in eredità.

Secondo la tradizione orale il materassino verde è stato usato da un belga, quattro tedeschi, due olandesi, uno svedese, un francese, un danese e, ora, un italiano. I conti non tornano alla perfezione ma, si sa, nella tradizione orale qualcosa va sempre perso.

A completare il simbolismo di questa storia il fatto che, settimana dopo settimana, ognuno dei proprietari temporanei ha dato una gonfiatina al materassino che si andava afflosciando e che ora galleggia grazie al fiato di mezza Europa.

Ora i proprietari del materassino verde siamo noi e ci sentiamo sulle spalle la grande responsabilità di scegliere il nuovo proprietario.

Abbiamo deciso di fare un gesto coraggioso e di allargare il respiro del Vecchio Continente; lo daremo a una famiglia di serbi dove c’è un bambino che lo guarda con occhi sognanti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana