Google+

Il lato nascosto di Giambattista Tiepolo

gennaio 24, 2012 Mariapia Bruno

Quando pensiamo a Giambattista Tiepolo (1696-1770) la prima cosa che ci viene in mente sono i suoi splendidi affreschi nelle volte della cappella della Chiesa del Santissimo Sacramento e del Palazzo Patriarcale di Udine, quelli della Cappella Colleoni di Bergamo e quelli del Palazzo Clerici di Milano. Al massimo ricordiamo le meravigliose otto tele con scene tratte dalla Gerusalemme Liberata di Tasso, in parte alla National Gallery di Londra e in parte a Chicago. Ma l’artista veneziano è stato anche uno straordinario incisore e ha dato vita a una serie di immagini dalle qualità estetiche così sottili che hanno segnato la storia della grafica moderna.

Ecco che allora il m.a.x. museo di Chiasso propone, dal prossimo 2 febbraio, la mostra Tiepolo Nero, volta a svelare gran parte delle sue acqueforti intessute di significati ermetici e rimandi allegorici e simbolici. Si tratta di 35 opere riunite nella serie dei Capricci (1733-1742) e nella serie Scherzi di fantasia (1743-1757) tra cui spiccano Sei persone guardano un serpente e La famiglia del contadino orientale che tanto rimanda alla Fuga in Egitto, che peraltro è anche il titolo di una serie di disegni del figlio Giandomenico, anch’essi presenti in mostra. Un appuntamento da non perdere per scoprire questo lato nascosto di uno dei più grandi interpreti del Settecento veneziano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana