Google+

Il governo comunista cambia il significato dei semafori: il giallo vale come il rosso. Cinesi infuriati

gennaio 3, 2013 Leone Grotti

Cambiano i paesi, cambiano le culture ma il significato dei colori del semaforo è lo stesso dappertutto: col verde si transita, col rosso ci si ferma, col giallo bisogna rallentare e cercare di fermarsi ma se non è possibile si può passare comunque. In tutto il mondo è uguale, si diceva, tranne in Cina. L’1 gennaio del 2013 infatti ha visto entrare in vigore una nuova legge che obbliga gli automobilisti a fermarsi con il giallo, pena multe salate e il ritiro della patente. La misura decisa dal governo comunista per diminuire il numero degli automobilisti che non si ferma al giallo ha fatto infuriare i cinesi in questi primi giorni dall’entrata in vigore della legge. Ora chi passa la linea dello stop con il giallo si becca sei punti di demerito e una multa di 200 yuan (25 euro). Passando due volte con il giallo viene ritirata la patente.

«LEGGE IRRAGIONEVOLE». Gli agenti che dirigono il traffico a Shenzhen, Jinan e Nanchang hanno affermato che non applicheranno il nuovo regolamento, perché è troppo difficile stabilire se allo scattare del giallo al semaforo una macchina era già al di là o meno della linea dello stop. Secondo la stragrande maggioranza degli automobilisti, le cui opinioni sono state raccolte dal South China Morning Post, «se una macchina deve fermarsi del tutto appena scatta il giallo, e non semplicemente rallentare, ci saranno solo più incidenti e ancora più gravi di prima. È una legge irragionevole che viola la prima legge sul moto di Newton».

GIALLO UGUALE AL ROSSO. Non solo: molti hanno fatto notare come cambiare il significato della luce gialla del semaforo renda del tutto inutile l’esistenza stessa della luce gialla. «Il senso del giallo è avvertire i conducenti di frenare e fermarsi, se possibile – afferma un automobilista – Ma se la sua funzione ora è la stessa della luce rossa, perché non eliminiamo semplicemente il giallo?». Senza contare che l’articolo 26 del Codice della strada cinese indica che «la luce gialla vale come un avvertimento». Non impone, dunque, di fermarsi.

I SEMAFORI NON C’ENTRANO. Ora resta da vedere se il governo comunista ascolterà le proteste dei suoi cittadini, anche perché basta vivere in Cina pochi giorni per rendersi conto che il problema degli incidenti nelle grandi città non è legato al comportamento degli automobilisti nei confronti del giallo al semaforo, ma al traffico intenso e snervante che impedisce agli automobilisti di mantenere la normale distanza di sicurezza tra le auto e al modo (tutto cinese) spericolatissimo di buttarsi a capofitto negli incroci per evitare le altre macchine solo all’ultimo momento, quando va bene.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana