Google+

Il diario fotografico di Sara Montali

dicembre 23, 2012 Mariapia bruno

E’ una raccolta di immagini nata come una sorta di sfida all’ignoto quella ideata da Sara Montali e della video-maker Katia Goldoni, un vero e proprio diario fotografico sull’attesa della fine del mondo che raccoglie, sul sito http://www.waitingfor2012.org con il titolo W4, 365 scatti, uno al giorno per un anno, dal 21 dicembre 2011 ad oggi, che scandiscono il tempo in modo ironico raccontando la realtà italiana attuale. Ne Gli amori difficili, Italo Calvino scriveva che <<Forse la vera fotografia totale (…) è un mucchio di frammenti di immagini private, sullo sfondo sgualcito delle stragi e delle incoronazioni>>, ed è forse questo quello che fa la fotografa italiana nel suo progetto cross mediale che ha già coinvolto 25 artisti che ogni due settimane, selezionati dalla curatrice Valentina Rossi, sono stati chiamati a dare sul sito una propria interpretazione sul tema dell’attesa creando una sorta di mostra virtuale.

<<Un diario fotografico – spiega Sara Montali – è, prima di tutto, una sfida. (…) E’ quasi una forma di meditazione. Non ho la pretesa di pensare che il diario di un singolo possa essere paradigmatico di una  totalità ma credo sia inevitabile il riconoscimento emotivo. La fotografia è democratica e tutti possono immedesimarsi.(…) L’ironia è stata la chiave di lettura per trasformare il dovere del quotidiano in un momento di libertà mentale ed estetica e questa gioia narrativa unita ai feedback avuti in questi mesi mi hanno fatta sentire vicina alla frase di Calvino, all’inizio magnificamente intellettuale ma distante>>. E da domani, quando l’epoca pre-ritorno-paura dei Maya, sarà terminata e gli scatti diventeranno protagonisti di una mostra itinerante, quale sarà la prossima data di scadenza?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana