Google+

Il dentista-cacciatore messo alla gogna dagli animalisti

novembre 4, 2015 Redazione

«Su internet sto leggendo di tutto. C’è chi mi vuole far investire con la macchina. Chi mi vuole sparare in fronte. Mi hanno cercato anche a casa». Racconta così la sua situazione Luciano Ponzetto, veterinario cinquantenne di Caluso, nel Torinese. Alcune sue vecchie fotografie in cui appare col fucile davanti a un leone morto, sono state diffuse sui social network da alcuni animalisti che le avevano recuperate dal sito ufficiale della “Safari club Internetional”. Le immagini di riferivano a un safari cui Ponzetto aveva partecipato cinque anni fa in Tanzania.
Le foto sono poi state rimosse, ma ormai il danno era fatto e il povero dottore è finito alla gogna. Una storia che ricorda da vicino quella di Walter Palmer, un dentista del Minnesota, divenuto il bersaglio mondiale degli animalisti dopo aver abbattuto in Zimbabwe un leone di nome Cecil.

«Sono frastornato – ha spiegato Ponzetto alla Stampa –. Mi trovo a dover rispondere per una fotografia vecchia di cinque anni. Adesso perfetti sconosciuti mettono in dubbio la mia professionalità, il mio lavoro e l’amore che ho sempre avuto per gli animali». Il veterinario ha sporto denuncia ai carabinieri e dice che a difenderlo sono «i suoi clienti. Chi lavora con me nel canile del paese che seguo da anni (ne è il direttore sanitario da sedici anni, ndr)». Il veterinario ha ricevuto minacce di morte via telefono e sul web c’è anche chi ha pubblicato l’indirizzo dell’ambulatorio e il suo numero di telefono personale. «Qualcuno sui social network – spiega ancora il dentista alla Stampa – scrive che sarei uno facile all’eutanasia. È una frottola: quando si decide di sopprimere un animale, lo si fa perché non c’è altra scelta e con il consenso del padrone. Non sono un assassino».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Ne hanno parlato anche oggi al TG.
    Se egli non avesse potuto uccidere l’animale in terra straniera (già rischioso il partire,sai quando prendi il volo ma non sai se tornerai mai a casa integro…oggi, poi!) non si sarebbe di certo scomodato, o non avrebbe corso il rischio -io credo- della galera e/o multe salate, nel caso queste fossero contemplate dalle vigenti leggi di quel Paese….Quindi, tutto regolare, no?
    Perchè se per la legge dice OK, dove stail problema? Nell’animale?

  2. Mappo scrive:

    Magari gli idioti che si strappano le vesti per un animale ucciso, sono gli stessi a favore del “diritto” delle donne ad abortire e del “diritto” ad una morte dignitosa, il nuovo soprannome dell’eutanasia.
    Personalmente al giorno d’oggi non capisco quale gusto ci sia ad andare a caccia, ma se uno lo fa pazienza, non stravedo per chi se ne va a giro per i boschi ad ammazzare uccellini, ma gli animalisti e gli ecologisti mi fanno veramente schifo, gente pericolosa e completamente fuori di testa

  3. Livio scrive:

    Perlomeno so a chi non portare il mio gatto.

    • Menelik scrive:

      Dei gatti che stanno a casa mia, penso adesso siano una dozzina su per giù, non ne ho portato mai uno dal veterinario.
      La natura ci pensa da sé, così il numero oscilla ma resta sempre lì.
      In compenso sono come dei lupi mannari per i roditori: ogni pochi giorni in un fabbricato esterno all’abitazione trovo carogne di ratti mezzi mangiati.
      L’ultimo una mezzora fa quando sono andato a prendere la legna.
      Ho gatti eccezionali: molto affettuosi con noi quando si fanno prendere in braccio, e feroci con i roditori.
      Sono veri felini cacciatori.
      Certo, però, che anche quello a farsi fare la foto in posa col leone morto…..è come se il parroco si facesse fotografare con una pornoattricetta…..ma cosa gli ha detto il cervello quando ha fatto quella foto?
      Conoscete il significato dell’espressione “brace coperta”?
      Ecco, il veterinario in oggetto non si può certo definire una brace coperta.
      Ma poi….il leone si mangia almeno?
      Perché se non si mangia, che cavolo l’ha fatto secco a fare?
      Se hai voglia di sparare a bersagli vivi, vai a Kobane e arruolati coi Peshmerga, almeno fai qualcosa di utile per l’umanità.

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Menelik!, sei forte!
        Anche casa mia è il ritrovo dei gatti..che -alla fin fine- si “autogestiscono”..A me il mezzo topo è stato portato in garage!!, oppure davanti all’uscio di casa!!, una mezza cornacchia spelacchiata e altro..ma che è, Halloween?.; è il loro modo di farsi benvolere in famiglia (se no la preda non te la porterebbero), ma non ci tengo più di tanto, anzi!!
        Concordo sulle foto in posa; credo le facciano anche con i cinghiali, ma quelli, poi, li mangiano…
        Ciao Menelik, scusa!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana