Google+

Il Corriere: De Magistris è il peggior sindaco d’Italia (e la colpa non è della massoneria deviata)

ottobre 30, 2013 Redazione

Luigi De Magistris «in due anni è riuscito a percorrere all’indietro la ideale classifica del gradimento» dei sindaci italiani: «Era in cima, adesso è ultimo». Lo ricorda nella pagina dei commenti del Corriere della Sera Fulvio Bufi, che mette in relazione questo dato a un altro fatto solo apparentemente slegato: fra tutti i primi cittadini del Belpaese l’ex magistrato giustiziere è quello che «tiene per sé il più alto numero di deleghe: diciotto».

EPURAZIONI E RETROMARCE. De Magistris, spiega Bufi, fu eletto nel maggio del 2011 perché «piaceva per la sua visione orizzontale dell’attività di governo. Piacevano le sue idee sulle assemblee di popolo, sugli incontri settimanali con i cittadini, sui beni comuni come priorità. Piaceva il suo essere aperto agli antagonisti dei centri sociali come ai cattolici, ai movimenti dei disoccupati come agli imprenditori». Peccato che oggi che al suo attivo, oltre alle 18 deleghe, De Magistris può vantare solo «decine di compromessi e retromarce sul programma, molte epurazioni (dell’originaria giunta sono rimasti soltanto il vicesindaco Sodano e l’assessore alla Scuola Palmieri), un paio di inchieste giudiziarie e poco altro».

NON È COLPA DEI POTERI FORTI. In pratica il sindaco di Napoli, si legge nel commento del Corriere, «si è isolato dalla città che lo aveva creduto un innovatore». E lo ha fatto con le sue proprie mai. Incapace di mantenere la sua promessa di «scassare tutto», si è rinchiuso a Palazzo San Giacomo con «pochi uomini fidati» e i dirigenti ai quali versa «tre milioni e mezzo di premi di risultato. Pure se le casse sono vuote e soprattutto non ci sono i risultati», aggiunge perfido Bufi. E per giustificare tutto questo, purtroppo per De Magistris, «non reggono le continue lamentele di ostracismo da parte di comitati d’affari e poteri forti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.