Google+

Il connubio tra scienza ed estetica nelle elaborazioni pittoriche di Elisa Cella

ottobre 30, 2012 Mariapia Bruno

Secondo il biologo Richard Dawkins «la biologia è lo studio di organismi complessi che sembrano essere stati disegnati per uno scopo preciso». E l’artista Elisa Cella ne ha fatto un punto di partenza per la sua mostra Bio, costruita interamente su un fitto dialogo tra categorie scientifiche ed estetiche incarnate dalle sue elaborazioni pittoriche. Cellule che fioriscono, che si aprono liberando molecole, fluttuano sul fondo bianco delle tele, creando un universo visivo che richiama per certi versi il lavoro pittorico di Wassily Kandinskij. L’occhio dell’artista si allinea a quello dello scienziato, al quale il microscopio ha permesso di sondare mondi prima impensabili, che adesso solo l’artista riesce a reinterpretare e a raccontare dal suo punto di vista.

È un percorso complesso che ci ricorda che il mondo non è solo quello che vediamo, ma anche quello che spesso è troppo piccolo per essere visto, che la ragione e il pensiero spesso devono fare un passo indietro e dimenticare ogni categoria e metodo per lasciare il posto alle sensazioni basilari, per certi versi primordiali, che ci rendono coscienti del nostro essere “viventi”. I lavori, visibili dal prossimo 28 novembre presso lo spazio City Art di Milano, eseguiti con la perizia di uno scienziato, sono scanditi da colori contrastanti e forti, che rendono l’insieme piacevole alla vista, ma allo stesso tempo instabile, come avviene nella microbiologia, dove gli organismi sono resi visibili solo grazie ai liquidi che contrastano con loro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana