Google+

Il confine nascosto della laguna

marzo 7, 2011

Chioggia, 13 maggio. Sulle banchine vicino al ponte di Vigo piove a dirotto. Un’acqua sferzante lucida il selciato di pietra chiara come uno specchio, e corre giù dagli scalini del ponte; infine scivola a rivoli nella laguna, acqua ansiosa di tornare nel mare. Un odore di salmastro impregna l’aria bagnata, e resta addosso. È il fiato della laguna questo odore che emana dai pescherecci attraccati ai moli, dondolanti allo sciabordio dell’acqua. E sotto al cielo basso all’orizzonte la linea del mare si confonde con le nuvole: livide e opache entrambe, come la pioggia battente. Fra cielo e acqua, Chioggia oggi è una lingua di terra evanescente, terra sospesa, terra di nessuno di cui l’uomo non è padrone. Oltre Sottomarina il basamento della diga del Mose, appena affiorante dall’acqua ma massiccio, dice di una lotta antica, tra Venezia e Chioggia: difendere la terra, e le case aggrappate, dal mare intorno, immenso. Escono dal porto, nel tardo pomeriggio, rari pescherecci, caracollando all’orizzonte sull’acqua color piombo; e ti sembra che vadano a perdersi verso uno sconosciuto destino.

 

In città, deserte le calli; dimenticato ad asciugare su un balcone un bucato
fradicio pende pesante e immobile. Gli occhi di un gatto anfrattato nella finestrella
di una cantina sono il bagliore giallo di un attimo, nell’universo d’acqua e pietra grigia, che ti resta negli occhi; come il blu vertiginoso delle viole davanti a un altare alla Madonna, in un vicolo. Nelle calli vuote incroci soltanto, sotto a un portico, due ragazzi che contro a un muro si baciano – e piovesse giù anche il mondo non ci farebbero caso. Che bella Chioggia, così intrisa di questa pioggia di maggio. Ma cos’è, l’odore del salmastro o quella fila di pescherecci abbandonati lungo il molo, che ti dà una sottile inquietudine, come il senso di una frontiera invisibile, o di una indicibile attesa? (La voglia di un bar, di una tabaccheria calda, dove vecchi avventori gettino ridendo le carte sul tavolo di formica, davanti a un bianchino; e i cartelli dell’enalotto promettano di diventare milionari, e la tv accesa ripeta le sue parole uguali; voglia di terra, di un orizzonte terrestre, come smarriti dalla linea sterminata, fuori, della laguna).

 

Poi, di nuovo ti cattura il silenzio dei canali. Una piccola austera Venezia vergine, sporta sul mare come una ragazza affacciata a un balcone. Ma cos’è davvero l’attesa che avverti, e quale frontiera corre tra le calli e i moli? Il mattino dopo parti all’alba. La Romea è ancora vuota. La prima terra compare piatta e fangosa tra le ultime lanche d’acqua, e riscompare in un vapore di nebbia. Fra la terra e il mare, ambiguo, evanescente, eccolo, il confine nascosto della laguna. In bilico, sospeso tra un aldiqua e un aldilà ignoto. Qualcosa che ti somiglia. Così che devi fermarti e guardare: e ti seduce e ti incanta quell’orizzonte infinito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana