Google+

I non luoghi di Tommaso Chiappa nella millenaria città dei Templi

marzo 21, 2012 Mariapia Bruno

Tra una citazione del mondo classico e uno sguardo aperto al futuro, i non luoghi di Tommaso Chiappa approdano nell’incantevole palazzo settecentesco del Collegio dei Filippini di Agrigento. Nel cuore della millenaria città dei Templi si definisce cosi una contemporanea fusione di realtà differenti, in bilico tra passato, presente e futuro. Dal titolo Carta Bianca, l’esposizione aprirà i battenti il prossimo 30 marzo. Protagonisti assoluti quegli uomini, quegli alberi, quella natura che si ribella alle soffocanti pressioni urbane, segni di riconoscimento del giovane pittore siciliano che vive tra Palermo e Milano. «In questa mostra ho osservato – racconta l’artista – diversi esempi di realtà: l’uomo, la natura, gli animali. Ma il contesto non è lo stesso di Monocromo, la mia precedente esposizione. Qui le persone che vagano in spazi bianchi in realtà stanno attraversando i non luoghi, quei luoghi dove non lasciano la loro memoria, luoghi di attraversamento nati nella nostra epoca di globalizzazione, luoghi dove noi stessi passiamo senza lasciare nulla se non il nostro spostamento». Ecco la metafora che si compie in tele come Passaggio rosso, dove le scale mobili di una qualunque galleria o metropolitana raccolgono i passi quotidiani di un numero imprecisato di persone che non vi lasciano mai nulla di loro.

Dalla città alla natura del paesaggio rurale, il non luogo è un punto di partenza che muove da ciò che già è stato. È questo il concetto di Agrigento avorio, un pittoresco acrilico su carta dai forti rimandi al mondo classico, dove il Tempio della Concordia, la cui storia si perde nella notte dei tempi, è affiancato a un albero solitario: tutto viene qui assorbito dalla luce del bianco puro, il bianco della rinascita che apre a nuovi spazi e prospettive. Nuovo è il punto di vista da cui vediamo la città siciliana in Agrigento oltremare dove tutto è definito da un colore blu intenso: i palazzi di Porta di Ponte ci immettono maestosi all’ingresso della Via Atenea, la via principale della città; questi non fanno più di Agrigento solo un luogo urbano, ma un’entrata da dove inizia la vita. E la vita che scorre in Sentiero – dove una ragazza fucsia si lascia alle spalle tutto ciò che ha percorso per avviarsi attraverso una strada alberata e trafficata che chissà dove la porterà – la ritroviamo anche in Osservatore solitario. Qui il protagonista è un uomo solo colto – o se vogliamo, catturato – in una spiaggia di San Leone, il lido agrigentino per eccellenza, mentre fissa inesorabilmente coloro che lo osservano, ovvero noi stessi. Quest’uomo tutto solo è immerso in una natura a quattro livelli, alla cui base troviamo il mare, simbolo di spiritualità, poi la spiaggia con l’uomo, la natura e il cielo. Grandi universi che si incrociano, spazi reali e irreali si avvicinano e lanciano una sfida a noi che ne facciamo parte. Ci invitano a ripartire per inventare un nuovo modo di vivere il nostro presente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.