Google+

I mega edifici di un mondo che cambia raccontano l’Est al Mak di Vienna

giugno 5, 2013 Mariapia Bruno

La mostra viennese Eastern Promises. Contemporary Architecture and Spatial Practices in East Asia, da oggi visibile presso il contemporaneo museo delle arti applicate, Mak, è un vero e proprio viaggio fotografico tra i grattacieli dell’Est del mondo (dalla Cina, al Giappone, alla Korea del Sud, al Taiwan) ideati dalle menti di una serie di architetti internazionali che, accomunati dallo stesso amore per l’ecologia e per le relazioni sociali, scelgono queste tematiche come linea guida delle strutture architettoniche da loro progettate.

Aperta fino al 6 ottobre 2013, la rassegna presenta quegli spettacolari giganteschi edifici che spuntano come funghi e si legano a un paesaggio spesso rurale, che, come ad esempio in Cina, si è aperto solo da qualche anno alle nuove tendenze eco-green occidentali. Firmati da Sou Fujimoto, Kazuyo Sejima, Ryue Nishizawa, Li Xiaodong, Wang Shu, KUU, Sheng-Yuan Huang e Mass Studies queste strutture si stagliano, immense, in un mondo che sta cambiando rapidamente e quasi magicamente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana