Google+

I guardiani della galassia: una compagnia che come noi tenta di salvare il mondo

novembre 16, 2014 Annalisa Teggi

i-guardiani-della-galassia

«Vinca tua guardia i movimenti umani» (Paradiso, canto XXXIII)

Sono contenta di aver portato i figli a vedere il film I guardiani della galassia. Per un paio d’ore tutta la nostra famiglia si è fiondata in un mondo immaginario e la morale che ne ho ricavato è che certe belle compagnie si formano semplicemente perché la vita ti fa sbattere contro certe persone; e che di queste belle compagnie fanno solitamente parte individui incompatibili tra loro, e assurdi ciascuno a modo suo.

Avviso di spoiler: sto per sintetizzare la trama. Un procione geneticamente modificato, un albero umanoide, un’assassina di carnagione verde, un umano fissato con una musicassetta degli anni Ottanta e un carcerato nerboruto s’avventurano in un’impresa comune, che li vede uniti a dispetto del fatto che ciascuno odia o detesta o semplicemente tollera a fatica gli altri membri. Inutile dire che c’è un cattivo, anzi due: il titano Thanos e il perfido Ronan, le cui mire implicano distruzione e devastazione nella galassia. Essendoci in ballo la sopravvivenza, i cinque improbabili personaggi fanno causa comune e ciascuno, inoltre, porta in cuore un suo personale dolore; si trovano a custodire l’elemento da cui dipende la salvezza o la distruzione di tutto, la Gemma dell’Infinito – qualcosa di immensamente più potente delle forze di ognuno di loro.

Come in ogni sano film d’azione, la fanno da padrone le scene di scontri e combattimenti. In quello decisivo, l’intera compagnia viene salvata grazie al sacrificio di Groot, l’albero umanoide che, abbracciandoli con i suoi rami e radici, li proteggerà. Muore, ma non muore, perché da un suo ramo nascerà una nuova pianta. Infine, la gemma preziosa resta in mano a Peter, l’unico umano dei cinque, ma per sconfiggere definitivamente Ronan è necessario che tutta la compagnia aiuti Peter a sostenere la potenza contenuta nella gemma.

Mi scuso se ho rovinato la sorpresa a qualcuno; spero di incentivare qualcun altro ad andare a vederlo. Perché? Perché questo è il genere di storie che mi piace, ci sono tutte le cose che mi aspetto di trovare in un racconto fantastico: l’assurdità, l’amicizia, il sacrificio, le imprese impossibili e più di tutto la fiducia data a persone imperfette per compiere grandi cose. Per questo, sono altrettanto contenta che mia madre fin da piccola mi abbia portato a Messa. Non che sempre ne fossi entusiasta, ma pian piano ho cominciato ad ascoltare la storia che si celebrava sull’altare: le vicende di una strana compagnia umana fatta di persone improbabili, come usurai, prostitute, pescatori, soldati e uomini di lettere. Non sempre andavano d’accordo tra loro, alcuni addirittura si detestavano, ma rimasero stretti attorno a Uno che, alla fine, li abbracciò col legno della sua croce per salvar loro la vita. Morì, ma non morì; resuscitò.

E da quel momento la gemma del suo Bene Infinito venne affidata a un uomo, Pietro, che si trovò tra le mani qualcosa di immensamente più grande di sé. A sostenerlo, rimase e rimane il resto di quella sconclusionata ma simpatica compagnia; guardiani anch’essi, non padroni. Anche qui c’è tutto quello che cerco in una storia entusiasmante, e in più – essendo vera – ne posso far parte anch’io con tutte le mie assurdità, compresi dolori e ferite che segnano il cuore.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana