Google+

I Brueghel, una straordinaria famiglia di pittori a Villa Olmo

aprile 2, 2012 Mariapia Bruno


Per chi ama le maniere gotiche, i dettagli curati alla minima perfezione e i volti e i gesti manieristicamente caratterizzati, la mostra da poco inaugurata nella splendida cornice di Villa Olmo a Como (La dinastia Brueghel, fino al 29 luglio 2012) è un evento assolutamente da non perdere. Protagonista l’intera dinastia, da generazione a generazione, dei Brueghel, dal vecchio Pieter al giovane Abraham, straordinari maestri fiamminghi che hanno fatto scuola con le loro opere che toccano, tra il XVI e il XVII secolo, i vertici contrapposti dell’umanesimo rinascimentale e del manierismo antirinascimentale. Ad accompagnare i Brueghel
lo splendido capolavoro, per la prima volta in italia, di Hieronymus Bosch – I sette peccati capitali – attorno a cui ruota l’intera esposizione. È bappunto a Bosch che i Brueghel si sono ispirati per la resa di dipinti concepiti come delle vere e proprie opere narrative, in grado di rappresentare in un unico spazio eventi – “lontani” nei luoghi e nei tempi – altrimenti incompatibili.

A dare il via a questa straordinaria famiglia di pittori è Pieter Bruegel
il Vecchio (1520/25-1569, detto Pieter Brueghel I), di cui qui si ammira in particolare La Risurrezione, un’opera suggestiva dove il particolare dello scorcio del paese in lontananza sulla destra cattura quasi immediatamente il nostro sguardo che, abbandonano quel bellissimo Cristo trionfante risorto, viene trascinato in questo vortice ultraprospettico. Figlio di Pieter Brueghel I è Pieter Brueghel il Giovane (1564-1637/8, detto Pieter Brueghel II) che si distinse per una tecnica eccellente, di maniera, a volte con rimandi quasi caricaturali e sarcastici. Lascia stizziti quel Paradiso terrestre fitto delle piu diverse specie di animali e di una vegetazione resa quasi con l’ausilio di una lente di ingrandimento e sembra quasi di scuola italiana quell’Allegoria dell’amore. Seguono le opere di Jan Brueghel il Vecchio (1568-1625, detto Jan Brueghel I) amante dei paesaggi di piccole dimensioni, quelle di Jan Brueghel il Giovane (1601-1678, detto Jan Brueghel II) e dei suoi undici figli, cinque dei quali anch’essi pittori, da Jan Peter Brueghel (1625-1680 ca.) che si dedicò al genere floreale, ad Abraham Brueghel (1631-1697), pittore di paesaggi e nature morte con fiori e frutta, dove termina questo viaggio tra creazioni con un pedigree di tutto rispetto.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download