Google+

Hollande annuncia la legalizzazione dell’eutanasia in Francia: peggio di così si muore

gennaio 14, 2014 Redazione

Dopo l’uscita di un articolo sul settimanale di gossip Closer, che ha svelato la scappatella amorosa tra il presidente socialista Francois Hollande e l’attrice di 20 anni più giovane Julie Gayet, oggi il capo di Stato francese ha tenuto una conferenza stampa per fare chiarezza. L’affaire Gayet l’ha liquidato in 20 secondi così: «Ognuno nella vita personale attraversa delle prove, sono momenti dolorosi ma sono problemi privati e non voglio parlarne adesso».

Per distogliere l’attenzione dallo scandalo che ha fatto finire all’ospedale la sua attuale compagna Valérie Trierweiler, Hollande ha fatto due annunci. Prima ha promesso, da qui al 2017, 30 miliardi di sgravi fiscali per imprese e lavoratori autonomi. Una bella mossa, anche se in 17 mesi il presidente “normale” è diventato famoso per le promesse non mantenute, che l’hanno reso il «presidente più impopolare della storia della République».

Poi ha annunciato che la Francia, sempre impegnata nel «rispetto della dignità», approverà la legalizzazione dell’eutanasia. Ovviamente, ci saranno «paletti severissimi», ma chi ha seguito l’evoluzione della legge in Belgio, che sta per estendere la “buona morte” anche ai bambini, sa quanto valgono queste parole.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Su Connottu scrive:

    Ma non può suicidarsi privatamente senza fare una legge ad personam?

  2. giuliano scrive:

    speriamo che il primo a beneficiare di questa prossima legge sia lui. Ad un diritto umano non si deve rinunciare mai, basta però vietare le sperimentazioni di farmaci sui topi

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana