Google+

Ma si può pensare seriamente che un Happy Meal minacci il made in Italy?

aprile 16, 2015 Redazione

mcdonalds-pizza-happy-meal

Da qualche giorno infuria una assurda polemica intorno alla nuova campagna pubblicitaria di McDonald’s. Le multinazionale americana del fast food ha lanciato uno spot in cui si vedono una mamma e un papà seduti al tavolo di una pizzeria con il loro figlio. Accanto a loro, il cameriere domanda cosa i signori desiderino ordinare e il bambino, «alle prese con l’eterno dilemma capricciosa o quattro stagioni, chiede un “Happy Meal”», per dirla con le parole del commento in margine alla disputa firmato oggi per la Stampa da Alberto Mingardi.

Scrive il direttore dell’Istituto Bruno Leoni:
«Il punto del contendere, ovviamente, non sono le preferenze dei più piccoli, dei quali non importa granché a nessuno. Il problema è che la catena di hamburgherie si sarebbe macchiata del reato di lesa italianità, provando a “svalutare” la “pietanza più nota e amata del Made in Italy”. Alfonso Pecoraro Scanio ha diffuso una petizione affinché l’amministratore delegato della multinazionale cancelli lo spot. L’associazione pizzaioli sforna pepate dichiarazioni. Il vicepresidente della Camera Di Maio ha chiesto all’Expo di “ritirare McDonald’s come sponsor”, che non è ben chiaro cosa significhi: rinunciare ai quattrini che offrono, o semplicemente eliminare la contropartita, stile esproprio gastro-proletario? Per i pentastellati, Matteo Renzi “non difende l’Italia e le sue tradizioni”. Loro hanno presentato un esposto all’Agcom, per impedire che la réclame continui ad andare in onda».

Ora, anche ammesso «la difesa delle tradizioni italiane» possa «passare per una censura preventiva dei messaggi pubblicitari», resterebbe comunque «da appurare se ci si debba limitare ai prodotti alimentari oppure no», osserva Mingardi. Ad esempio, come dovrebbero reagire l’Italia e i rappresentanti delle sue istituzioni «se una catena di alberghi insinuasse che Praga è più pulita e sicura di Roma?». Secondo Mingardi il fine di tutelare il made in Italy «non è di quelli che giustifica i mezzi, la bollinatura degli spot permessi e di quelli no, cioè la censura». La pizza è buona e «le cose buone si difendono da sole, lasciando ai consumatori la libertà di sceglierle». E soprattutto – verrebbe da aggiungere – passi pure per l’associazione pizzaioli, ma Di Maio e Pecoraro Scanio non hanno nulla di più serio di cui occuparsi?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. Nino scrive:

    Statistiche mediche hanno appurato un aumento del cancro e delle malattie cardiache per le persone che consumano abitualmente cibo al McDonald’s. Viva la pizza.

  2. Giorgio scrive:

    Se la realtà storica non mente, sbaglio o c’è stato già in Italia chi difendeva l’italianità (a botte anche di censure) e che fu appeso a testa in giù dal popolo?
    E poi, come la mettiamo in Italia con tutto il made in China, made in Vietnam, made in Corea che constatiamo ogni giorno nelle nostre normali attività, dall’abbigliamento ai giocattoli passando per l’elettronica?
    Ipocrisia farisaica.

  3. Giorgio scrive:

    La maggior parte dei pizzaioli è non italiana e i migliori in assoluto, per quanto di mia esperienza che di pizze sono ghiotto e ne ho mangiate tante per l’Italia intera, sono i pizzaioli egiziani.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana