Google+

Arriva il grano “al microonde” che cambierà la vita dei celiaci. Il prossimo brevetto made in Italy

giugno 23, 2014 Angela Cossu

L’avevano già notato, nell’assolata terra pugliese: il “grano arso”, quello tradizionalmente recuperato dai più poveri tra le stoppie bruciate, non ha forza per tenere la pasta, né la lievitazione di una focaccia. Va mischiato con altre farine, e solo allora può essere usato in cucina. A modificarsi e distruggersi è stato il glutine che non svolge più nella farina quell’azione “collante” che lo rende il primo indice di qualità per la pasta.

Da questo grano arso è nata un’idea dell’Università di Foggia: riuscire a trattare il seme per produrre farine il cui glutine, opportunamente degradato, non sia più nocivo per i celiaci. Le microonde sono state la via scelta per scaldare abbastanza il seme in maniera mirata, senza alterarne le caratteristiche organolettiche e senza, a detta degli inventori, incidere sulle proprietà di “tenuta” della pasta.

Attualmente si usano enzimi microbici che “tagliano” la proteina, rendendola inoffensiva, ottenendo però una pasta collosa e floscia. Si possono aggiungere altre farine, di quinoa, di grano saraceno, o altri. Anche queste danno merito alla “forma” della pasta ma non sempre al gusto, rendendo i prodotti per celiaci spesso un punto di forte impatto psicologico negativo per le persone costrette ad una dieta differenziata.

Si pensi quindi quanto una bella carbonara “come quella normale” possa incidere positivamente su tutti i celiaci, specialmente i bambini. In Italia, forse anche grazie al consumo intenso di pasta, i celiaci sono in proporzione inferiori al resto del mondo, ma rimangono sempre un esorbitante numero di 150 mila casi accertati, e altri 450 mila stimati dall’Associazione Italiana Celiachia.

Una bella invenzione tutta italiana, presto protetta da brevetto internazionale, di cui non possiamo che andare fieri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. Nina scrive:

    Sarà mai possibile che le microonde riescano ad operare selettivamente quando neppure con gli enzimi si è mai riusciti ad ottenere buoni risultati? Se questa cosa fosse vera comunque sarebbe un’ottima soluzione anche per la nutrizione dei bambini nelle prime fasi dello svezzamento. La farina di grano è sicuramente più facilmente reperibile e più economica rispetto ad altre farine.

    • martino scrive:

      Le microonde agiscono selettivamente sulle molecole d’acqua. La riscaldano e la fanno evaporare. Questo a partire dall’interno. Di per se, non sono nocive.

  2. Luisa scrive:

    Dal punto di vista nutritivo se la proteina viene modificata cambia qualcosa?

  3. saporidinicchia scrive:

    Ciò dimostra che il forno a microonde è pericoloso alla salute umana.
    Infatti in alcuni paesi della ue ne è vietata l’importazione.
    Il fatto che le microonde denaturino le proteina del grano significa che viene spezzata la catena del DNA ,modifcandola. In altre parole ,il grano (e tutti gli altri alimenti ) diviene OGM. Per di più avviene la rottura dei micronuclei cellulari ,rendendolo di fatto cancerogeno.
    Meditiamo….
    saporidinicchianews.wordpress.com

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana