Google+

Funerali di Prospero Gallinari: difendo la libertà di onorare la salma di un amico. Chiunque esso sia

gennaio 21, 2013 Pino Suriano

Parlare di eroi, questa volta, sarebbe eccessivo. Almeno, però, voglio chiamarli “amici coraggiosi”. Ieri, per la prima volta e forse l’ultima, ho simpatizzato con i rappresentanti di Rifondazione Comunista.

È successo lentamente, man mano che leggevo le dichiarazioni polemiche sulla “inopportuna partecipazione” di alcuni di loro ai funerali dell’ex brigatista Prospero Gallinari. Mittenti del predicozzo politicamente corretto, tanto per cambiare, i rappresentanti dell’Idv. Ma anche tanti soloni del giornalismo italiano, con i loro tweet sferzanti.

È stato un funerale con più di mille persone. Sì, sì, oltre al partito rosso c’erano anche le sigle meno raccomandabili della sinistra antagonista italiana: Askatasuna (o come diavolo si scrive), i No Tav e tanta gente che era lì per far vedere la bandiera, più che la faccia. Ma tanti erano lì per altro: Gallinari negli anni aveva stretto rapporti, costruito relazioni, girato paesi. Aveva degli amici.

Non si discute (e ci mancherebbe!) l’azione violenta del terrorista, né la gravità ingiustificabile delle sue azioni. Ma si discute, e si difende, la libertà di andare al funerale di un amico o di una persona stimata. Anche quando è “politicamente inopportuno” e attira polemiche scontate. L’amicizia, su questo blog, si difende sempre.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. aruka scrive:

    mah… non credo che l’autore dell’articolo abbia capito il senso delle proteste: il problema non è l’essere andati al funerale, ma l’aver inneggiato ai vecchi tempi terroristici, giustificandoli! Se ti limiti ad onorare il
    defunto, nessun problema; se invece inneggi agli anni di piombo… beh, scusa, allora ti critico, e forse ti sanziono, anche!

  2. Pino Suriano scrive:

    No no Aruka. Ho capito il senso delle proteste e non ho certo apprezzato quel senso nostalgico che ha caratterizzato parte della cerimonia. Ma non posso accettare che la critica si faccia in nome dell’opportunità politica. E comunque so di rapporti sinceri e di stima reale nei confronti dell’ex brigatista, non in relazione alla sua violenza, ma alla sua personalità per come si è espressa negli ultimi anni di vita. Grazie per l’attenzione e il commento.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana