Google+

Fumetto – Topolino era più bello in passato? Forse no, e la collana del Corsera lo dimostra

marzo 4, 2015 Amedeo Badini

topolino-storySi è soliti dire che i fumetti di una volta erano più belli di quelli attuali, e Topolino non fa assolutamente eccezione. Ma a volte la memoria, e una certa nostalgia, fanno brutti scherzi, perché il settimanale in passato presentava una formula che, vista con gli standard attuali, risulta piuttosto di basso livello. La nuova iniziativa editoriale di RCS Editore, tramite Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport, dopo quella dell’anno scorso dedicata a Romano Scarpa, propone la storia d’Italia attraverso quella del settimanale a fumetti più letto, con l’obbiettivo, anno per anno, di proporre il meglio dell’anno, con informazioni storiche ed editoriali. Topolino Story ha anche la meritoria virtù di proseguire, dopo dieci anni, con le stesse caratteristiche e formato, una collana simile che trattava gli anni dal 1949 al 1978 uscita nel 2005. Oggi esce il numero dedicato al 1981, dopo che la scorsa settimana è uscito quello del 1980 a solo 1€ (ancora rintracciabile in edicola), insieme al numero ponte dedicato al 1979, collegandosi così con la vecchia collana.

L’iniziativa meritevole di proseguire e concludere un’antica proposta editoriale, si scontra con una maggiore povertà nei contenuti critici rispetto alla vecchia serie: meno commenti per le storie, uno spazio per le copertine un po’ più contenuto, ed è un peccato. Resta comunque un buon lavoro, che mostra con onestà come si sia evoluto il settimanale nel corso degli anni. E a guardare le storie proposte si ha un’idea generale ed azzeccata del Topolino tipo di trent’anni fa. Lo schema era di avere due storie lunghe, una di apertura e di chiusura, affidate ad autori italiani, mentre altre due o tre storie brevi erano acquistate generalmente da studi brasiliani, ospitanti personaggi di universi diversi come Bambi, Cip e Ciop, Ezechiele Lupo e i Tre Porcellini. E bisogna purtroppo ammettere che nel complessivo il settimanale non era molto interessante. Le storie italiane erano buone, ma non sempre salvavano completamente il numero. E l’allegato del Corriere ha l’onestà critica di mostrare questa differenza. Negli anni ’70 e ’80 il pubblico era meno esigente, e bastava poco per vendere centinaia di migliaia di copie.GAA0250001

Le storie ospitate, oltre alle zoppicanti brevi straniere, presentano i grandi autori italiani: Giovan Battista Carpi, Sergio Asteriti, Giorgio Cavazzano, Massimo De Vita. Soprattutto di quest’ultimo, sono pubblicate avventure bellissime, capaci di far volare con la fantasia con la rappresentazione di enigmi storici, come quello di Mu insieme alla prima apparizione del professor Zapotec, oppure con un viaggio intorno al mondo alla ricerca del tesoro del misterioso Babe, in una riuscita sfida tra Paperino e il fortunato cugino Gastone. Una collana che rappresenta con onestà la storia editoriale di Topolino, mostrando i pregi e i difetti. Sarà molto interessante poi vedere gli anni più recenti, quelli dal 1995 al 2010, poco analizzati finora dalla critica. Topolino Story, pur con qualche difetto, prosegue la vecchia collana, riproponendo con rispetto lo stesso stile. E mostra che in fondo Topolino una volta aveva uno standard qualitativo minore, rispetto a quello odierno.

Topolino Story 1979 – 2010, primo numero a solo 1€, 1979 + 1981 a 6,99€, prossime uscite singole a 6,99€ ogni martedì in edicola.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana